La pioggia colpisce ancora!

A causa del maltempo si contano danni un po’ in tutta Italia, e dopo l’emergenza nel Veneto eccone un’altra … in Campania!
La notte tra il 9 e 10 novembre straripa il Sele, uno dei principali fiumi della regione che attraversa il salernitano. I soccorsi non si son fatti attendere nelle cittadine colpite dall’alluvione, dove circa 500 persone sono state allontanate. Ma andiamo al dunque: l’esondazione ha provocato la rottura di un tratto della conduttura dell’acquedotto del Sele che rifornisce d’acqua 14 comuni del salernitano. Insomma mezzo milione di persone residenti nei comuni della piana del sele sono rimasti senza rifornimento d’acqua potabile!

Ieri il capo della protezione civile Bertolaso (un nome, una garanzia!) ha incontrato gli amministratori locali e il sindaco di Salerno De Luca per decidere le manovre d’emergenza e in conclusione hanno stabilito che i 14 comuni coinvolti nell’emergenza riceveranno acqua potabile tramite autobotti.
Come se non bastasse, straripa anche il Tanagro, affluente principale del Sele, e si avvia l’ennesima conta dei danni!

Ora, è stata fatta una stima sui tempi realizzazione di una nuova conduttura, risultato? una 40ina di giorni (insomma, l’acqua sarà un regalo di natale!!!)!!! Inoltre ci sono vari fattori che ritardano l’inizio dei lavori:
-se il tempo non migliora, il terreno su cui bisogna lavorare rimane troppo morbido, per cui c’è il rischio che i macchinari per la ricostruzione della conduttura affondino letteralmente!
-Bertolaso afferma che bisogna seguire “alla lettera” il piano d’azione, per cui bisogna aspettare che martedi il consiglio dei ministri dichiari lo stato di calamità (e quindi nomini ufficialmente il commissario per l’emergenza e stanzi i primi finanziamenti) e che mercoledi si decida a quale ditta affidare i lavori.

infine, piccola nota: io sono una salernitana “emigrata” e posso affermare con certezza che i miei amici e parenti sono senza acqua da 2 giorni! Alla faccia delle autobotti!

12 pensieri riguardo “La pioggia colpisce ancora!”

  1. La nostra Mantide !

    Ti ho già dato il benvenuto ? Boh ? Vabbè, te lo do’ uguale 😉

    In merito al post, beh, che dire… qui c’è poco da indignarsi (certo stare senz’acqua non è bello, e il paradosso è che uno si trova senz’acqua perchè ne è scesa troppa), però mi chiederei come cacchio è possibile che un acquedotto ceda a causa di una piena. Andiamo a vedere chi lo costruì, l’acquedotto incriminato… mi sa che Impregilo ancora non esisteva, quando l’hanno fatto…

  2. Mi stavo chiedendo la stessa cosa. Come cazzo fa a sbracare un acquedotto nel 2010? Manco in Burkina Faso

  3. grazie! my first post! 🙂
    cmq hai ragione…..anche l’acquedotto…sarà stato fatto “a cavolo”? chissà! sta di fatto che ora mezzo milione di persone sta con le pezze al c*** come si dice da me :O

  4. in effetti è incredibile, tutti questi danni per un po’ di pioggia, e stiamo parlando di un paese OCSE nel 2010 (cioè un so se ve rendete conto, quarant’anni fa abbiamo mandato l’uomo sulla Luna!) riwelcome mantide

  5. Eh, come già ho commentato, cara Mantide io ci sto proprio ivi dove hai detto tu, senz’acqua da due giorni, le autobotti lasciamo stare. L’anno scorso ci furono dei lavori per l’acquedotto, la città ha una riserva di acqua nei serbatoi ed ora si fa come allora, però non so sino a quando durerà; perciò credo che quando la scorta sarà esaurita saranno riempiti. L’acqua viene erogata dalle 7 alle 9 di mattina, flusso debole all’inizio. Che vitaccia senz’acqua. Per fortuna in casa che c’è un boiler, un centinaio di litri, di caldaia in disuso che all’occasione serve da serbatoio. Una grande comodità. I tubi dell’acquedotto rotti, sono talmente antichi che hanno difficoltà a trovare il rimpiazzo che si adatti… L’estate scorsa vedevo delle vistose perdite d’acqua alle valvole della conduttura che affianca il fiume nei pressi di Contursi, mi piangeva il cuore. Non c’è controllo e se c’è tirano a campare, sino a quando non succede il guaio. Nessuna prevenzione.

  6. Ah, ma anche il mare era incazzato nero… sul lungomare zona colombo mercatello sono sfollati da un palazzo perché tremava tutto allo sbattere delle onde, che scavalcavano anche sulla sede stradale.

  7. benvenuta mantide
    la situazione in italia è TRAGICA … ci serve una persona capace che rimetta in sesto il paese

  8. Io sono ragionevolmente sicuro che esista un contratto con una societa’ responsabile di operare e manutenere questo acquedotto che ha sbracato. E a questa societa’ e ai suoi dirigenti andrebbe fatto un mazzo a tarallo. Che cazzo!

  9. Alde
    A rimettere in sesto il paese si fa presto.
    Prossima gara per la manutenzione dell’acquedotto si inserisca una clausola che mette penali di 100 mila euro per ogni giorno di indisponibilita’
    Scommetti che la situazione si raddrizza?

  10. E brava la nostra mantidona!
    Concordo con lorenz,delle belle penali e vedrai che si raddrizzano le cose.

    @Lorenz
    Un’pò in ritardo ma grazie per quel “auguri,bestia” 😀

    M’è garbato da morì

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...