Un pezzo a me,un pezzo a te.

Pubblicato: 08/11/2011 da marchettino73 in Il Centrodestra che lo prende tra le mele

20111108-092244.jpg

Ettore Livini su Repubblica ci racconta con la consueta perizia quello che potrebbe succedere nell’immediato:

La posta in gioco è molto alta su diversi fronti. Il capitolo più delicato nell’immediato è — come ovvio — il destino di Mediaset. Finita non a caso ieri sull’ottovolante in Borsa (fino a una chiusura piatta) non appena si sono sparse le voci sull’addio del Cavaliere. Le tv di casa Berlusconi — protette dall’ombrello del conflitto d’interessi, dalla Gasparri e da una curiosa predisposizione dei grandi inserzionisti privati a privilegiare gli spot sui network di Cologno — hanno surclassato negli ultimi anni le performance della Rai. Regalando ai loro soci, Silvio compreso, una pioggia d’oro di dividendi. Nel 2000, per dare un’idea, gli spot garantivano a viale Mazzini una cifra pari al 60% di quella incassata grazie alla pubblicità da Mediaset. Oggi la percentuale è scesa al 40%. La raccolta di Publitalia ha regolarmente surclassato quella della Sipra. Salvo il 2006 e il 2007, gli anni del governo Prodi, quando Saxa Rubra — guarda caso — è riuscita a tenere il passo della rivale.

Cosa rischiano Canale 5 & C. in caso di crisi di governo?

Il timore dell’ala catastrofista di Arcore (quella guidata da Marina, non a caso uscita allo scoperto sempre più spesso negli ultimi mesi in difesa del padre) è chiaro: una riedizione di quella riforma Gentiloni che imponeva un tetto più severo alla raccolta di pubblicità del Biscione. Un colpo che rischia di essere quasi mortale per un gruppo già alle prese con i guai di Endemol — il produttore de “Il Grande fratello” in cui Mediaset ha perso quasi 500 milioni — l’offensiva di Sky e i segni di stanchezza della tv generalista. La Borsa ha già fiutato aria di guai, tanto che da inizio anno i titoli di Cologno hanno perso il 47%, bruciando 1,1 miliardi dei risparmi di Arcore. Questa voragine rischia però di allargarsi ancora di più se la società rimarrà orfana degli “aiutini” confezionati a intervalli regolari dal governo del suo socio di riferimento negli ultimi tre lustri: senza leggi salva Rete 4, sovvenzioni per i decoder, Iva anti- Murdoch e aste gratuite per le frequenze digitali — dicono gli analisti — far quadrare i conti del Biscione sarà molto più difficile. L’altro argomento caldissimo sul tavolo del summit di Villa San Martino è stato, con ogni probabilità, la delicata questione della spartizione ereditaria dell’impero del premier.

Anche perché il tutto va ad incrociarsi con il divorzio da Veronica Lario e le questioni ereditarie:

Il Cavaliere su questo fronte ha le mani legate dalla legge italiana che allo stato privilegerebbe i figli di secondo letto. Una volta non sarebbe stato un problema: la legge, se guidi il governo, puoi sempre cambiarla. E Berlusconi — nella miglior tradizione della real casa — ha affidato anche in questo caso la soluzione dei suoi problemi a una norma ad hoc (la famigerata anti-Veronica) infilata alla chetichella nell’ultimo decreto di stabilità. Un intervento a gamba tesa sulla “legittima” destinato a riportare nelle sue mani ogni decisione sulla redistribuzione delle quote in Fininvest. Il cammino della 41esima legge ad personam del suo regno, però, rischia di fermarsi su un binario morto in caso di dimissioni. Rimescolando le carte di una partita, quella dell’eredità di famiglia, che da un paio di anni è una spina nel fianco del Cavaliere. Non c’è da stupirsi, insomma, se il pranzo di ieri ad Arcore ha rischiato di andare di traverso a qualcuno.

Io ho già preparato i 20 € 😀

Annunci
commenti
  1. chica ha detto:

    dici che diventeranno poveri i Berluschini????? peeeeeeeeeeeeeeeeeecccaaaaaaaaaaaaaatoooooooooooo!!!

    peccato che non sia vero!!!

  2. steffa88 ha detto:

    no, ma l’impero verrà di molto ridimensionato

  3. alc0r ha detto:

    Dipende… allo stato attuale l’unica che potrebbe subire mazzate varie e’ Mediaset (per una serie di fattori: crisi delle generaliste, etc…).
    Ovvio che se poi la situazione cambia per vari processi, etc… allora la situazione si farebbe pesante anche per Mondadori.
    La terza a essere mazzuolata sarebbe il Milan, visto che ovviamente sarebbe usata per fare cassa al fine di tirare su le sopra citate.
    Detto questo, visto il patrimonio personale in liquidita’ ed immobili che ha la famiglia nel complesso, ma anche singolarmente ogni individuo, a meno di errori assurdi nella gestione, non credo che i berluschini si ritroveranno mai con i piedi al freddo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...