La classe non è acqua

Pubblicato: 17/02/2012 da marchettino73 in Il Centrodestra che lo prende tra le mele
Tag:, ,

Roma – Anche il ministero dell’Istruzione ci ha riso su, ha ringraziato gli internauti per essere lettori costanti e sottili osservatori, e ha sdrammatizzato con una piccola nota ad hoc. Dopo la gaffe hot contenuta nel bando dell’Università di Firenze che richiama a una posizione del Kamasutra («Dalla pecora al pecorino» è diventato «From sheep to Doggy Style»), il Miur pubblica nella home page del suo sito un focus dedicato dal titolo ironico: «Le sviste di un “infallibile” Ministero».

E scrive: «Cari amici della rete, ultimamente vi abbiamo intrattenuto con alcuni errori involontariamente comici, tra i quali: il portale “Scuola in chiaro” che includeva fra i comuni italiani alcune località, tra cui Caporetto, che non lo sono più da decenni; da ultimo – per ora – una traduzione maccheronica dall’italiano all’inglese, dagli effetti esilaranti, di un bando di ricerca relativo al formaggio pecorino».

Ma si invocano le attenuanti. «Non potete nemmeno immaginarvi quanto sia grande ed estesa la struttura amministrativa del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Sono – assicura nella nota on line – grandi numeri: oltre 10 mila scuole, quasi 1 milione di insegnanti, circa 8 milioni di studenti, migliaia di dirigenti, centinaia di migliaia di personale non docente e amministrativo, uffici distribuiti su tutto il territorio nazionale. Senza contare gli atenei, i professori universitari, gli enti di ricerca, i ricercatori e, anche in questo caso, tutto il personale delle amministrazioni. Non sbagliare mai è quasi impossibile. Per questo – scrive il ministero rivolgendosi agli internauti – vi ringraziamo dell’attenzione e dell’affetto con il quale quotidianamente leggete e scrutinate le migliaia di pagine e documenti pubblicati da questa amministrazione. Grazie alle vostre segnalazioni siamo venuti a conoscenza anche noi di errori, alcuni dei quali decisamente surreali. Si tratta di un lavoro prezioso che ci aiuta a correggerci e a migliorare. Vi invitiamo a continuare a farlo e, se vorrete, l’ufficio stampa e il sito sono a disposizione per le vostre segnalazioni».
(il secolo XIX)

Qui l’originale:
http://www.istruzione.it/web/istruzione/focus_160212

Come la Gelmini,uguale uguale eh?!
Tradurre “pecorino” in “doggy style”…

Ahhahahahahhahahahahahhahahaahh

Nemmeno io e reggi saremmo stati capaci di tanto

Ahhahahahahhahahahhahahahahhaha

Annunci
commenti
  1. steffa88 ha detto:

    un mi dì che hanno usato google translate

  2. perplessa ha detto:

    auuaauuaauuauauauauauuauauauaauuauauauauauauauauaa
    mi spancioooooooo

  3. Giangius ha detto:

    i neutrini della Gelmini si son persi ancora nel Ministero mi sa…

  4. alc0r ha detto:

    Oh beh, almeno l’hanno messa sul ridere e non si sono esibiti nel mirror climbing acrobatico di MaryStar & co…

  5. steffa88 ha detto:

    ma perché la Gelmini non l’aveva messa sul ridere? eppure io ho riso come un matto, fortuna che non m’ha visto nessuno, sai che figura di merda? 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...