Ed è pure vicedirettore di Rai Due

Pubblicato: 15/03/2012 da marchettino73 in Generale

Giacobbo,il conduttore di quella puttanata di trasmissione che è Voyager,ha scritto un libro “2012: la fine del mondo?”.
Eh lo so,un ci si crede.Sa scrivere.
Tra tutte le cazzate megagalattiche che è riuscito ad assemblare c’è questa:


Secondo questo cretino da competizione i “fotoni” sono APPARSI ALL’IMPROVVISO verso la fine degli anni sessanta.

Annunci
commenti
  1. Giangius ha detto:

    non per difendere quel geniaccio del Gobbo, ma il testo dice tutt’altro.

    “un numero sempre crescente di…” vor dì che in quegli anni (secondo lui) stavano aumentando di numero, cioè maggioravano quelli già presenti. E penso che sia un “segno” per l’inizio di qualche evento.

    Dopo questo, mi verebbe da smontare il paragrafo con una chiave inglese N 31.
    Forse c’è una qualche rilevazione in quegli anni veritiera, ma da qui a collegarla con eventi catastrofici predetti e mal interpretati ce ne passa…

  2. chica ha detto:

    ma pure voi!!! se non scrive ste azzo de cose catastrofistiche , chi se lo compra il libro? 😀

  3. marchettino73 ha detto:

    @giangius
    “…ha improvvisamente fatto la sua comparsa una presenza inedita..”

    Quello che non torna è che i fotoni mica escono la mattina “bòngiorno sono un fotone”….è necessario il cosiddetto salto quantico.Qui si parla addirittura di “numero crescente” :mrgreen:

  4. perplessa ha detto:

    ormai tutte le volte che me lo nominano io vedo in automatico nella mia mente la parodia del trio medusa a quelli che….hahhahaha

  5. chica ha detto:

    a me viene in mente il KAZZENGER di Crozza…

  6. perplessa ha detto:

    aahahahah si anche!

  7. Giangius ha detto:

    “…ha improvvisamente fatto la sua comparsa una presenza inedita..”

    in meccanica quantistica non mi son addentrato mollto, ma quello che sò è che quella frase può anche essere corretta.
    L'”improvvisamente” può essere considerata come un’alterazione dovuta alla misurazione fatta in quel momento, in quella porzione di spazio dell’atmosfera, ed avendo alterato può darsi che hanno preso dei dati sfalsati. Non possiamo dir nulla, non fornisce dati, non fornisce fonti, ne che tipo di sperimentazione ha fatto per dire quello.
    Può esserci stata “una crescita” (questa ultima frase a livelli microscopici non vuol dire nulla, e quella è la cazzata di Gobbo) rispetto ad una precedente misurazione, in una porzione di spazio con “probabilità” più alta di intercettare delle particelle con delle proprietà attese.

    E’ un discorso troppo complesso, conosco troppo poco per smontare sta roba.

    Ma comunque il Gobbo è una dimostrazione vivente della famosa “Teoria della Montagna di Merda”.

  8. steffa88 ha detto:

    cioè, signori, noi si ha Giangius e la Rai cià Giacobbo, cioè, ne vogliamo parlà? e non vi chiediamo manco il canone! 🙂

  9. lezz ha detto:

    Si, Marchetti, è un cretino variabile da competizione fotonica !! Qui ,di un tipo del genere direbbero: ” a belledde, ti ch’andas acacare !! haa haaaaa che soggetto !!

  10. lezz ha detto:

    ò Giangius- vatti a vedere come finisce la “superpista”….. 🙂

  11. Lorenz sloggato ha detto:

    Altri 9 mesi Giacobbo e finirai nel listone di 2010fdp

  12. alc0r ha detto:

    Strano, un complottista che dice a Cialtrobbo che e’ un cretino, sembra una barzelletta…

    Analizziamo bene la frase comunque (questa e’ fisica di 4 liceo): i fotoni non sono una “presenza inedita” nell’atmosfera terrestre dagli anni ’60… altrimenti addio fotosintesi clorofilliana nei precedenti 400 milioni di anni (il genere Plantae e’ piu’ o meno di quell’epoca, aggiungendoci anche le alghe verdi-azzurre precedenti, che sono le antenate delle plantae, andiamo a un paio di miliardi di anni), ad esempio… Poi cazzo, dove c’e’ luce, ci sono fotoni, non credo che il Sole produca fotoni da soli 40 anni… vabbe’…
    Sull’aumento… e’ risaputo che il Sole ha picchi e contropicchi di attivita’ (macchie solari, etc…) questi fenomeni possono portare a variazioni infinitesimali di fotoni, mentre altre particelle (il famoso “vento solare” che causa le aurore boreali, ad esempio) hanno variazioni molto piu’ consistenti. Ma nulla di catastrofico, caro Cialtrobbo.
    Per approfondimenti, il vostro Piero Angela di FDP vi consiglia http://it.wikipedia.org/wiki/Ciclo_undecennale_dell%27attivit%C3%A0_solare per iniziare, poi approfondite liberamente.

    A proposito del listone, sarebbe da mettere in homepage.

  13. Giangisu ha detto:

    Piero Alc0ra:
    ecco oppure si può rimanere più generali e non martellarsi la testa con mec.quantistica e mazzi 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...