In culo ai beduini

Risparmio ed ecologia. Sono due temi cari, mai parola fu più adeguata, a tutti, anche al mondo dell’auto?
Quale soluzione per il futuro prossimo, diciamo a cinque o dieci anni?
Gli scenari sono sempre in movimento, ma il mercato langue e i prezzi di benzina, diesel e GPL sono in costante aumento.
L’auto elettrica non sembra al momento un’alternativa reale per prezzo d’acquisto (oltre 30.000 euro) autonomia (non superiore di fatto a 150 km) e tempi di ricarica (8 ore da presa elettrica normale). Più ovviamente la spesa per l’energia, con le bollette della luce destinate ad aumentare sempre.
E allora? Un’alternativa esiste, sia di risparmio sia ecologica. E si chiama metano, almeno per chi si trova in zone coperte da una rete sufficiente. (vedi mappa distributori su metanoauto).
Una risposta importante, specie per i prodotti che veranno, ovvero auto a metano, ma dotate di turbo o di motori brillanti, che garantiscono prestazioni adeguate, ma spese ridotte, circa 3 o 4 euro per percorrere 100 km. C’è qualche auto di serie che può fare altrettanto?

I modelli si chiamano Golf 7, Nuova Fiat Panda, Audi A3 TNCG, Volkswagen eco-up!
Guidicate voi se possono avere rivali.

La settima generazione della Golf offrirà il metano hi-tech, con il 1.4 TSI Ecofuel, col turbo da 122 cavalli, che nella versione a biogas eroga 110 cavalli, una potenza più che sufficiente.

Avrà un’autonomia più che adeguata, grazie al serbatoio di benzina da 50 litri, che garantisce circa 880 km, e due serbatoi di metano sotto il pianale (che lasciano inalterato lo spazio nell’abitacolo e nel bagagliaio) che permettono 420 km di autonomia con una spesa di 20 euro.

La nuova Fiat Panda Natural Power, erede della best seller a metano sul nostro mercato, sta per arrivare con un carico di novità e brillantezza.

Sarà spinta dal TwinAir, ovvero lo 0.9 litri bicilindrico a gas naturale, in questa versione da 80 cavalli. Una potenza notevole, che dovrebbe garantire una brillantezza sconosciuta al precedente modello. E la percorrenza media dovrebbe essere intorno ai 3 euro per 100 km.

Tra le altre novità, il segnalatore dell’autonomia a metano finalmente inserito nel display multifunzione e il tasto di commutazione metano/benzina al posto del pulsante dello start&stop.

Come nell’attuale Fiat Panda NP l’assetto sarà mutuato dalla 4×4 per uno stivaggio ottimale delle bombole a metano.

Per chi invece cerca risparmio, tecnologia e prestazioni arriverà a fine anno l’Audi A3 TCNG, un turbo metano, col 1.4 TFSI da 150 cavalli. Motore non sportivo, ma sicuramente adeguato allo status del modello, grazie all’utilizzo del turbo e del compressore.

Capace di una coppia massima di 220 Nm, ma soprattutto di una percorrenza media dichiarata di 4.2 kg per cento chilometri, quindi con meno di 4 euro di metano si potranno fare 100 km , prestazione superiore a qualsiasi diesel, benzina o GPL.

La capienza delle bombole è di 18 kg, che garantisce un’autonomia di 430 km con circa 17 euro di spesa. Eccezionale. Il serbatoio di benzina funge da riserva, con 11 litri, ma così permetterebbe l’omologazione da veicolo monovalente, permettendo di pagare un bollo (tassa di circolazione) di soli 75 euro.

Infine la più ecologica e parsimoniosa, la Volkswagen eco-up!, ovvero la up! a metano. Questa tecnologica city car è accreditata di un consumo di 2,9 kg di metano per 100 km, ovvero con 2,7 euro si potranno coprire i fatidici cento chilometri.

Le bombole di metano hanno una capienza di 11 kg, che permettono quindi di percorrere circa 380 km con un pieno, con 10 euro! . In più c’è il serbatoio di riserva di benzina da 10 litri, che permette all’auto di essere mologata come monovalente e quindi di pagare un bollo (tassa di circolazione) di soli 75 euro.
Dati eccezionali, bisogna vedere quale sarà il prezzo.

Grazie all’alimentazione a gas metano e al pacchetto BlueMotion Technology di serie (tra l’altro con sistema start/stop e sistema di recupero dell’energia), la up! diventa punto di riferimento sul fronte della riduzione delle emissioni di CO2, con i suoi 79 g/km.

La eco up! monta tre cilindri 1.0 di nuova concezione della serie EA211. Eroga 68 CV (a 6.200 giri) tra 3.000 e 4.300 giri eroga 90 Nm di coppia massima consentendo di passare da 0 a 100 km/h in 15,8 secondi e di raggiungere la velocità massima di 168 km/h.

E allora che ne dite? A noi pare che non ci sia turbodiesel, auto ibrida o elettrica che possa tenere il passo. L’unico (non banale) problema è la rete di rifornimento, comunque in espansione.
In Italia ci sono 870 impianti aperti, a fine anno dovrebbero essere 1140.

E fin qui ci siamo.La domanda che molti si faranno è:
E chi vive dove non c’è copertura di distributori?
Semplice,dove manca Marchetto provvede.Con questo:

http://www.brcfuelmaker.it/casa/phill.asp

Ci vorrebbe solo che un illuminata dirigenza politica elaborasse uno sgravio fiscale per l’acquisto di quell’affare (che non è proprio regalato).
Ma chiaramente sto entrando nella fantascienza :mrgreen:

20120419-104724.jpg
E questa è la mia preferita.