Io sto con Delio Rossi, considerazioni

un articolo di Massimo Fini

Perchè tutti (o quasi) noi maschi abbiamo tifato per Delio Rossi, l’allenatore della Fiorentina che, irriso e sbeffeggiato dal giocatore Adem Liajic, appena sostituito, gli si è gettato addosso colpendolo con tre o quattro cazzotti ben assestati? Perchè, in questo mondo femmineo, abbiamo visto, finalmente, una reazione virile. Ci voleva del coraggio a 52 anni suonati, al limite dell’infarto, per battersi con un ragazzo di vent’anni, un atleta nel pieno della sua forza, per di più serbo, e suonargliele. Con quell’atto Rossi ha perso, forse, la sua autorità di allenatore, ma ha riguadagnato la sua dignità di uomo.
Naturalmente a livello ufficiale e istituzionale c’è stata l’esecrazione generale per Delio Rossi, così come era avvento quando un passante aveva mollato un cazzotto al quarantenne Daniele Capezzone, che invece di restituirglielo era andato a ‘chiagne’ da mammà.
In Italia si può fare di tutto, farsi pagare la metà della casa, avere frequentazioni mafiose, grassare denaro pubblico, e rimanere all’onore del mondo, ma se uno, preso da comprensibile ira, sferra un cazzotto è irrimediabilmente out.
Il benessere, insieme a suo figlio il ‘politically correct’, ha compresso innaturalmente tutti i nostri istinti fra cui c’è anche l’aggressività. E un quantum di aggressività è invece necessario perchè fa parte della vitalità. Il nostro atteggiamento tremebondo di fronte agli immigrati deriva proprio da questo: che loro sono vitali, noi non più. Qualche tempo fa mi è capitato di assistere in corso Buenos Aires, una grande strada commerciale di Milano, a questa scena. Due giovani italiani, un ragazzo e una ragazza sui tren’anni, hanno incrociato un albanese che ha squadrato dalla testa ai piedi, con insistenza, la donna, in un modo oggettivamente offensivo. Il ragazzo si è permesso di dire qualcosa all’albanese che lo ha ripagato con un tremendo ceffone. E il ragazzo, tenendosi la guancia: “Ma no, parliamone…”. Parliamone? Doveva riempirlo di botte. Continua a leggere Io sto con Delio Rossi, considerazioni

Il nuovo sondaggione di fugadapolis – Le attrici che ci fanno “sangue”

Allora…dopo i capolavori della letteratura stramondiale moderna, nuovo sondaggione.
Principalmente rivolto ai maschi, ma anche le femminucce possono dire la loro
Si tratta di elencare le attrici che ci fanno “sangue” ovvero che consideriamo magari non bellissime, ma sexy (ovviemente per le femmine si chiede di indicare attrici che A LORO PARERE sono cosi’)
Indicatene tante quanto volete, poi al sondaggione ci penso io

Di corsa, a perdifiato, verso il 2%

Elezioni amministrative, ieri. A Palermo, Genova, Verona e in gerenale ovunque brillantissima prestazione del PdL del neosegretario Angelino Alfano.
Percentuali leggermente inferiori al 10%. Fuori da diversi ballottaggi. La corsa verso il 2% del PSI postcraxiano continua inesorabile e inarrestabile. Alcune voci di corridoio addirittura prevedono una sostituzione, negli ultimi mesi prima delle prossime politiche, con la promettente e vivace Santanche’.
Per consentire ad Angiolino di prendersi la standing ovation e al PdL di assicurarsi che nessuno dei candidati vada in parlamento, probabilmente.
Soddisfazione immensa, da Mosca, del Presidente Onorario Nanodimerda. Dopo il trionfo nel campionato di calcio (della Juve) un altro strepitoso risultato