Una storia triste

Pubblicato: 05/06/2012 da tafkamrlorenz in Generale
Tag:, ,

AVVERTENZA! – QUESTA STORIA E’ DAVVERO TRISTISSIMA

A meta’ degli anni zero la vita a Doha, Qatar, era davvero, davvero una palla. Poi venne un blogger sulla cui esistenza si sprecano leggende, che per 3 anni terrorizzo’ le giovani vergini come manco Dracula in Transilvania, e allieto’ le cene di colleghi italiani e non con battute brillanti e dotte riflessioni filosofiche

Nello stesso periodo arrivarono gli Asian Games…le pallosissime olimpiadi Asia-Medio Oriente talmente poco seguite che per farle sembrare interessanti gli spalti venivano talvolta riempiti di sagome di cartone

E per le vergini che non frequentavano le poche discoteche e i pubs di Doha, e per chi sportivo non era, e per chi non cenava con blogger leggendari?

Per loro, c’era il Villaggio

Un centro commerciale che era ed e’  la versione analcolica delle cazzate di Las Vegas. Con canali finti navigati da gondole vere, guidate da gondolieri indiani, negozi a profusione, una bisteccheria australiana che dava un senso a tanti weekend assonnati post sbronza, e qualche negozio decente dove rifornirsi di camice simil-eleganti (tipo Boggi)

Fino alla settimana scorsa

Quando una combinazione tra incendio di dubbie cause, incapacita’ assoluta di dare l’allarme in tempo per non far scappare gli shoppingari del weekend, anni di mancata manutenzione e di mancate esercitazioni antincendio, e una squadra di vigili del fuoco demenziale hanno provocato una tragedia immane.

Fuoco. Ritardi nel dare l’allarme. Una nursery al primo piano e mappe che non spiegano come arrivarci se la via principale e’ bloccata dalle fiamme. 19 morti. Di cui 13 bambini e 4  maestre. Di mancia, due vigili del fuoco, uno dei quali, si dice, mandato all’arrembaggio senza maschera antigas.

3 bambini erano gemelli neozelandesi di 2 anni. Ne potete leggere al link qui sotto e negli articoli collegati

http://www.thenational.ae/news/uae-news/doha-mall-fire-tragic-list-of-characters-in-a-terrible-terrible-tale

Beh..ve lo avevo detto che era una storia triste

Annunci
commenti
  1. perplessa ha detto:

    oh cazzo no!

    ma come si fa?!?!??!

  2. reggibirra ha detto:

    tacci loro…

  3. marchettino73 ha detto:

    Oggi ci mancava solo questa…..giornata di merda….

  4. Albert1 ha detto:

    Costruire cattedrali nel deserto talvolta porta a fatti come questo.
    Mettere un asilo all’interno delle cattedrali suddette è da galera (infatti mi pare di aver letto fra gli articoli correlati che già si stanno inculando parecchia gente con la rincorsa per quello che è successo). Triste e ansiogeno, un motivo in più per stare lontano da certi posti…

  5. lorenz zlogghed ha detto:

    Ma guarda Albe che non e’ “nel deserto”. E’ in una zona popolata e nel weekend ci sta il mondo a fare shopping
    La volta scorsa son passato nella zona industriale e stanno costruendo un centro commerciale che non ho capito se e’ ad L o a ciambellone ma dovrebbe essere 3, 4 km di lunghezza.

  6. Albert1 ha detto:

    Intendo dire che è Doha, una “cattedrale nel deserto”… 😉

  7. lezzzy ha detto:

    No comments boys & girls, no bloody comments….ormai è da un po di tempo che ho la certezza che siamo solo carne da macello…..in tutto il pianeta. Come la la recente strage in Sirya ( se non erro ) con 100 morti di cui una rentina di bambini….. disgustoso è a dir poco.
    Passo ad altro se non vi dispiace. Dopo le ultime notizie pubblicate su gli spammissimi di casa nostra, non faccio altro che capitare nel posto giusto al momento giusto; il mio destino di “guasta feste” per alcuni soggetti , sembra perseguitarmi o forse dovrei dire che, in questo momento della mia esistenza continua ad indicarmi il da fare…. Per il momento non vi anticipo nulla: rovinerei la sorpresa. Fra qualche giorno metterò in onda un’altra dellesuper cappellate, ma del Comune di Siniscola che confina con quello di Posada. C’è veramente da sbattere la testa al muro…
    Per il resto, da noi tutto bene e tutto tace, ma non troppo : ma il clima in paese si taglia con l’affettatrice. Qui siamo letteralmente invasi da scie chimiche ( che faro vedere dopo The Siniscola Dick Heads): ci stanno soffocando lentamente….. Bene, tolgo “il disturbo” ragazzi e buon proseguimento.. Ciauzzz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...