Mafia S.p.A.

Pubblicato: 17/07/2012 da 2010fugadapolis in Generale
Tag:, , , , , ,

In Italia esistono diverse grandi aziende. In stretto contatto fra loro, talvolta in competizione, mai in “guerra”. Una di queste per esempio è aperta da 2.000 anni circa, solidissima, ha sedi, filiali ed uffici territoriali in quasi tutto il mondo, ma per ora non ne parleremo.

Voglio concentrarmi su un’altra: basata su un sistema di relazioni consolidato da secoli, conta affiliati nei più importanti paesi della Terra e vanta più tentativi di imitazione della Settimana Enigmistica. Non è ufficialmente quotata in Borsa, non ha un suo codice fiscale e non dichiara direttamente alcun reddito: ciononostante muove e controlla l’economia di mezzo mondo. Una condizione ideale, a mio avviso. 

Essa è direttamente o indirettamente responsabile di gran parte del PIL italiano, ha avuto influenza (e ne ha tuttora) sui maggiori eventi storici del Paese: dall’ unità d’ Italia alla caduta della Monarchia (in senso ostativo), dalla fine del Fascismo alla nascita della Repubblica come la conosciamo oggi (in senso ausiliario). Ci ha fatto conquistare importanti posti di potere e controllo negli Stati Uniti (con il loro consenso, sia chiaro), ci ha reso famosi nel mondo almeno quanto gli spaghetti e la pizza attraverso memorabili romanzi ed imperiture opere cinematografiche che ne hanno narrato le gesta.

Non ha un’attività specifica prevalente, anche se spesso la si confonde con una compagnia di assicurazioni a largo raggio, su scala mondiale (in parte sono d’accordo, visto il rapporto fra quello che prende e quello che dà, se dà, quando dà).

Si dice che talvolta sbrighi le sue pratiche con metodi poco ortodossi (ed è vero, ma ogni azienda che si rispetti ha il suo ufficio per la gestione degli affari “scomodi”), ma quella è solo la punta dell’ iceberg, la parte che si vede. La maggior parte delle transazioni e degli accordi si svolge in silenzio, a telecamere spente e rotative ferme, senza eventi eclatanti, giorno dopo giorno senza soluzione di continuità attraverso il collaudatissimo ed antichissimo sistema di relazioni, conoscenze e connivenze di cui sopra, che non teme intralci e non consente defezioni o tradimenti.

Da un po’ di tempo a questa parte, qualcuno ha fatto una “scoperta“: sembra che lo Stato se la intenda con questa azienda (come pure con molte altre), e sembra altresì che sia in piedi un costante rapporto fra le varie entità, finalizzato a mantenere in equilibrio l’ economia, la politica e la stabilità della Nazione. Ma và ? Ma non mi dite… incredibile, no ? Vorrei proporre la sostituzione del detto “la scoperta dell’ acqua calda” con un più comprensivo “la scoperta della trattativa Stato-Mafia“.

Sia chiaro, tutti ci indigniamo quando pensiamo ad alcuni efferati atti criminali compiuti da questa azienda (o ad essa comunque attribuiti), a nessuno piacerebbe essere fatto fuori a colpi fucile, o incaprettato, o sciolto in acidi vari, o murato nei piloni di qualche cavalcavia, o fatto saltare in aria con tutta la famiglia, o costretto a pagare ogni mese una somma arbitraria contro la sua volontà per presunti “servizi” di cui non vede l’utilità…

…ok, chiaro. Ma a parte la mera eliminazione fisica, che ovviamente ci disturba, non vi sembra strano che invece siamo dispostissimi ad accettare imitazioni annacquate di questi comportamenti – quasi senza fiatare – dall’ altro protagonista della “trattativa” ? Pensiamo per esempio al potere che un legittimissimo (mi si passi il neologismo superlativo) Tribunale della Repubblica ha in merito all’arbitraria limitazione della nostra libertà personale: non importa se e di cosa siamo colpevoli, un Magistrato firma un foglio, ci vengono a prendere a casa e ci portano via in manette. Poi vediamo. Oppure un altro ne firma un altro e la nostra famiglia non esiste più. Poi ne parliamo. O un giudice qualsiasi butta lì un timbro e ci ritroviamo senza casa. Presenta opposizione, magari vediamo in appello. Vogliamo invece parlare di “pizzo” ? Ok, parliamone. Siamo o non siamo costretti da una legittimerrima quanto fantomatica “Agenzia” a pagare periodicamente delle somme a fronte di presunti “servizi” che non si sa nemmeno come di chiamino, figuriamoci a cosa servano ? 

E ancora, pensiamo forse noi di essere immuni ? Pensiamo di non essere “mafiosi” anche noi ? Beh, ho una notizia sconvolgente, gentili Signore e stimatissimi Signori: noi siamo tutti mafiosi. Siamo mafiosi quando chiediamo un “favore” a questo o a quel cognato che occupa questo o quel posticino in questo o quell’ufficio di questo o quel Comune, siamo mafiosi quando rendiamo il favore (“figurati, dovere, ossequi a Te e Famiglia” !), siamo mafiosi quando “raccomandiamo” o quando ci “facciamo raccomandare”. Siamo mafiosi quando accettiamo soverchierie inenarrabili da alcuni soggetti solo perchè ne temiamo la presunta autorità o le paventate ripercussioni, salvo poi rifarci su chi non può vantare tale potere. Siamo mafiosi quando non testimoniamo o non denunciamo crimini ed ingiustizie perchè “teniamo famiglia“, siamo mafiosi quando evitiamo di mettere in discussione metodi, leggi e sistemi perchè “si è sempre fatto così“, siamo mafiosi, inevitabilmente e senza via di scampo. Mi fermo qui, ma la vostra fantasia unita alla vostra onestà intellettuale vi permetteranno sicuramente di individuare molti altri comportamenti “mafiosi” che ormai mettiamo in atto senza nemmeno accorgercene.

Ora, non dico che sia tutto giusto o sbagliato in assoluto. Non voglio condannare ne’ giustificare. Il mio obiettivo è solo quello di stimolare il raggiungimento di una presa d’atto e di coscienza generale in merito alla faccenda. 

Una volta stabilito questo in termini di premesse, ragionando ad alto livello (non certo per i piccoli interessi di pochi “boss” o “picciotti”), sembra ancora così strano ed indegno che uno Stato che si rispetti possa mantenere aperto un “tavolo di trattativa” con questa o quella grande “azienda” ? Anche dimenticandoci per un attimo che nello Stato di cui sopra vivono e lavorano molti importanti azionisti di queste imprese, sembra tanto assurdo che esistano e vengano utilizzati dei “canali di comunicazione” volti a mantenere un equilibrio generale, senza il quale questo Paese si accartoccerebbe su se’ stesso nel giro di dieci (forse meno) anni ?

Senza rischiare di “essere frainteso”, posso almeno chiedervi di rifletterci un po’ ? E poi ancora un pochettino ?

Parliamone…

Annunci
commenti
  1. marchettino73 ha detto:

    Qui mi dicono che,se adotto tecniche di rianimazione,sono tutelato dall’art. 53 del c.p.

    Davvero li posso mandà in culo? :mrgreen:

  2. Albert1 ha detto:

    E ma tuo marito la fa facile… mica è lui che si spulcia gli annunci e va a parlà coi proprietari, scommetto… 😀

  3. reggibirra ha detto:

    Chica gliele posso strizzà tutte e due?
    ALLORA SENTITE UN Pò TUTTI E DUE,LE TETTE SON MIE E LE STRIZZA CHI DICO IO……marchè fallo ma con movimenti decisi e circolari ahaahahahahah 😀

  4. Albert1 ha detto:

    Qui t’hanno detto na cazzata. A meno che non intendano un’estensione mooooooooooooolto ampia del concetto espresso dall’articolo in parola.

    Ulteriore riprova del fatto che non capiscono un cazzo. 😉

  5. chica ha detto:

    mandalo a cacare….lui e la casa….300 euro di spese l’anno per 6 anni???

  6. Albert1 ha detto:

    …ecco perchè adoro Marchettino… io gli dico “chiedigli ‘sta cosa” e lui LO FA ! In diretta… 😀

  7. reggibirra ha detto:

    bert1 scrive:
    17/07/2012 alle 18:28
    E ma tuo marito la fa facile… mica è lui che si spulcia gli annunci e va a parlà coi proprietari, scommetto…
    esatto,xò ho un ultima carta da giocare,mio fratello,lo conosce da anni..adesso ci provo,perchè casa è bella ed è grande…..

  8. chica ha detto:

    marchettino73 scrive:
    17/07/2012 alle 18:26
    @albert1
    Io nulla saccio

    Chica gliele posso strizzà tutte e due?

    …la tcnica di rianimazione prevede mano sullo sterno e dita sulla tetta sinistra…tutto il resto si chiama palpeggiamento.. 😀

  9. Albert1 ha detto:

    Nella fattispecie, l’art. 53 stabilisce che non è punibile il pubblico ufficiale che faccia uso delle armi per scongiurare una serie specifica di reati contro le persone o diverse calamità. Allo stesso modo non è punibile il privato cittadino che faccia uso delle armi per gli stessi motivi e dietro richiesta o ordine del pubblico ufficiale.

    Che cazzo ci combina col primo soccorso lo sanno solo loro…

  10. marchettino73 ha detto:

    Albert1 su 17/07/2012 alle 18:30
    …ecco perchè adoro Marchettino… io gli dico “chiedigli ‘sta cosa” e lui LO FA ! In diretta…

    È chiaro :mrgreen:

  11. Albert1 ha detto:

    Altrettanto chiaro che lo fai perchè sai che c’è un motivo… altrimenti non mi permetterei mai di dare certi suggerimenti… 😉

  12. Albert1 ha detto:

    ora già me lo immagino che alza la mano e fa… “senta, non è per insistere, ma l’art. 53 recita che”… BUHAHAUHAUHUAHWUAHWUAHWUAHWUAHWUHAAHHH !!!

    Cosa non darei per essere ora in quella stanza… 😉

  13. marchettino73 ha detto:

    HahHahahahahahahahahahahahahahaha

    Dovreste vedere che faccia ha fatto

    Hahahahahahahahahahahahahahahaah

    È l’art. 54

  14. reggibirra ha detto:

    ok cazzari grazie dei consigli,mi sa che casa se la tiene li come reliquia,scappo che mammà mi aspetta e cmq oggi ho fatto l ennesima cazzata ho comprato un paio di infradito con una zeppa di almeno 10 cm,ora come cazzo faccio a metterle per uscire con l antico romano che è alto un cazzo e mezzo mica potemo fa l’articolo il…e che cazzo ci dovevo pensare prima

  15. chica ha detto:

    ora gli fa: nun di’a bischerate, che lo fo’ parlà col mi fratello di blogghe AlbertOne che le fa un culo ‘ome un paiolo!!!

  16. marchettino73 ha detto:

    ora già me lo immagino che alza la mano e fa… “senta, non è per insistere, ma l’art. 53 recita che”… BUHAHAUHAUHUAHWUAHWUAHWUAHWUAHWUHAAHHH !!!

    È andata così :mrgreen:

  17. chica ha detto:

    reggibirra scrive:
    17/07/2012 alle 18:37
    ok cazzari grazie dei consigli,mi sa che casa se la tiene li come reliquia,scappo che mammà mi aspetta e cmq oggi ho fatto l ennesima cazzata ho comprato un paio di infradito con una zeppa di almeno 10 cm,ora come cazzo faccio a metterle per uscire con l antico romano che è alto un cazzo e mezzo mica potemo fa l’articolo il…e che cazzo ci dovevo pensare prima

    che cazzo ti frega!! te le metti pe’ sculettà quanno esci da sola!!!

  18. reggibirra ha detto:

    ahahaahahahah urge post ..post-corso…domani però ora devo uscire

  19. Albert1 ha detto:

    Comunque, al limite, potrebbe essere il 54. “Stato di necessità”.
    Con quello già funziona, ma digli di aggiornarsi… 😀

  20. chica ha detto:

    Articolo 54. Stato di necessità. Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sè od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, nè altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo.

    Questa disposizione non si applica a chi ha un particolare dovere giuridico di esporsi al pericolo.

    La disposizione della prima parte di questo articolo si applica anche se lo stato di necessità è determinato dall’altrui minaccia; ma, in tal caso, del fatto commesso dalla persona minacciata risponde chi l’ha costretta a commetterlo

  21. reggibirra ha detto:

    te le metti pe’ sculettà quanno esci da sola!!! se sculetto provoco un maremoto..me ne vado altrimenti mammà s incazza

  22. Albert1 ha detto:

    Ah, ecco. Ho letto dopo…

    Vabbè, ragassi, io me la batto di gran carriera, bòna serata a tutti !!! A domani…

  23. chica ha detto:

    ci lasci diggià?? 😦

  24. marchettino73 ha detto:

    Io:”scusi,qual’è l’art. che ci tutela durante le manovre di rianimazione?”

    Lui,con sicurezza:”l’art. 53″

    Io:”strano,qui parla di uso legittimo delle armi”

    È diventato cianotìo hahahahahahahahahahahahahhahahaah

  25. chica ha detto:

    ahahahahahahahahahahahahahahahahahaha

    che bastardo!!!!!!!!!!

  26. Albert1 ha detto:

    A malincuore, ma devo portarmi in quel di Prati e sono già in ritardo. Salùt !

  27. chica ha detto:

    ciauz….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...