La riforma elettorale del leggendario blogger del 21mo secolo

Ispirato dal post di Albertone, mi sono impegnato e ho partorito una proposta di riforma elettorale semplice semplice

Proporzionale puro con sbarramento al 5%. NIENTE Premio di maggioranza, la democrazia e’ rappresentativa, non una gara

E siccome il Parlamento deve DAVVERO essere rappresentativo della volonta’ popolare, astenuti, schede nulle e bianche contano come buone, e saranno rappresentate da sedie vuote (che non prendono stipendio, ovvio).
Le sedie che rappresentano astensione e schede nulle votano sempre NO. Quelle bianche sempre SI. Quindi se a una consultazione c’e’ un 49% di astensione e nulle, il 49% circa di sedie rimane vuoto. Qualsiasi legge ha bisogno che TUTTI gli eletti siano d’accordo, oppure fanculo e’ bocciata

Per farla divertente diaciamo pure 2 camere di 250 rappresentanti

Le leggi passano a maggioranza ASSOLUTA, non relativa. Quindi se l’astensione alle elezioni supera il 50% le sedie vuote sono la maggioranza, non passa nessuna legge, quindi si devono sciogliere le camere e si commissaria la nazione con un commissario estenro che gestisce solo la spesa corrente per un anno, tipo Belgio.

Con una legge del genere sono pronto a riattivare l’iniziativa
UNA BIRRA ARTIGIANALE PER IL TUO CERTIFICATO ELETTORALE