Una fettina di culo, magari ? No ?

Pubblicato: 23/10/2012 da 2010fugadapolis in Generale
Tag:, ,

Una cosa è la politica, una cosa sono gli annunci eclatanti, una cosa è l’equità fiscale, una cosa è la trasparenza…

però adesso si sta cacando un pochino fuori dal vaso. E io, tanto per cambiare, mi sarei rotto il cazzo.

Già prima non è che fossero tutte rose e fiori, ma qui si va oltre il limite del ridicolo.

Quindi, se già non ci fosse abbastanza gente che si poteva liberamente fare gli affari nostri, fra la fine di quest’ anno e l’inizio del prossimo si compirà l’ ultimo (speriamo) atto di questo assurdo “reality show” che ci vede tutti protagonisti, volenti o nolenti.

Infatti, anche se la data slitta di mese in mese, prima o poi si dovrà realizzare ciò che le ultime misure antievasione prevedono. Nello specifico:

1) Comunicazione all’ anagrafe tributaria (Agenzia delle Entrate) delle cifre dei nostri conti correnti bancari (non tutto l’ estratto conto come si diceva ma “solo” il saldo dell’anno precedente, quello dell’anno in corso, il totale dei soldi entrati ed il totale di quelli usciti);

2) Comunicazione all’ anagrafe tributaria (sempre loro) di tutti i dati dei contratti di telefonia fissa, mobile e satellitare sottoscritti da ciascuno di noi. Quante linee, quanti telefoni, che volume di traffico, quanto spendiamo per telefonare, insomma.

La cosa bella è che tutto ciò ha un costo, e indovinate un po’ chi paga ? Già, esatto.

La cosa ancora più bella è che (anche dopo aver stanziato milioni – nostri – per nuove ed aggiornatissime attrezzature, server blindati, superlinee di trasmissione dati dirette, consulenze informatiche superesperte) tutti questi processi verranno effettuati dai soliti zammammeri rincoglioniti che si e no sanno aggiornare la loro pagina FaceBook e che cripteranno i nostri sensibilissimi dati utilizzando magari la nostra data di nascita come passphrase oppure ancora meglio usando “pippo” per tutti, tanto è uguale.

E in un mondo dove già l’ultimo dei call center sa già cosa ci piace mangiare a colazione, tutto questo girare di informazioni (che se permettete sarebbero cazzi miei), apre milioni di nuove possibilità. Non solo per il fisco (che in teoria sarebbe pure quasi legittimato), ma per chiunque ne abbia interesse.

In altre parole, se prima (per esempio) pur tenendo un basso profilo per paura di rapine, ricatti e malversazioni varie avevo un milione di euro in banca, dovevo preoccuparmi “solo” del direttore e dei cassieri. Dal prossimo anno, sono sicuro che qualcuno potrebbe tranquillamente ed impunemente “vendersi” i miei dati a qualsiasi figlio di puttana, il quale poi provvederebbe ad avvantaggiarsene a mie spese.

L’ unica cosa che un po’ mi consola (magra, magrissima consolazione) è che con questa storia – se tutto va come previsto –  tutte le banche e tutti i gestori di telefonia prenderanno una mazzata clamorosa fra capo e collo. Diciamo che forse dovranno abbassare un pochino le pretese. E non ne sono nemmeno tanto sicuro. Ma vabbè.

Rimane il fatto che (lo ridico) io me sò rotto er cazzo. Se uno va a fare il pagliaccio al Grande Fratello o all’Isola dei Famosi, almeno alla fine qualcosa vince… se va male può andare a fare qualche serata in discoteca, ma qua, che cazzo vinco io ?

Annunci
commenti
  1. Albert1 ha detto:

    …che poi me l’ero scordato, ma di tutto ‘sto troiaio ne avevo già amabilmente conversato quasi un anno fa…

    https://2010fugadapolis.wordpress.com/2011/12/20/come-rovinare-un-bel-film-serpico-e-la-sogei/

  2. marchettino73 ha detto:

    ….. Prima vengono i creditori, i pesci più grossi, quelli più cattivi, gli strozzini, le banche, gli assassini, i ladri, i grassatori e i parenti….

    E indovinate un’po quali rompano i coglioni più di tutti?I parenti :mrgreen:

  3. Giangius ha detto:

    “Dicono sia successa davvero… ”
    albertone ci credo, perchè ho visto e sentito di peggio.

    Sistema di valutazione della ricerca: ogni ricercatore deve redigere diversi paper in un tot di tempo, descrivere tali paper in un sistema elettronico e compilare delle questioni burocratiche sempre elettronicamente. Tale sistema elettronico è collegato ad un “grande cervello” che memorizza ed analizza tutti i dati.

    Tali dati però NON sono compatibili con un il sistema nazionale per la valuatazione della ricerca. Che si è inventata l’azienda del “grande cervello” per sistemare il tutto?: scrivere un programma wrapper che patchi questo baco? No, troppo palloso.

    Sti geni stampano ogni descrizione su carta, ogni pratica burocratica e pagano degli scrivani che ricompilano il tutto nel formato nazionale.

    ” e i parenti.”
    che specie immonda.

  4. perplessa ha detto:

    Albert1 scrive:
    23/10/2012 alle 18:25

    …che poi me l’ero scordato, ma di tutto ‘sto troiaio ne avevo già amabilmente conversato quasi un anno fa…

    siamo arteriosclerotici!?!?!?!? :mrgreen:

  5. lezz ha detto:

    Ricordiamoci, pitzinnos: 100 donne ammazzate in 10 mesi, fa 10 donne al mese… Dopo cena mi leggo il”… film di serpico”. Vi saluto bellizzimi…Ciauzzz

  6. perplessa ha detto:

    certo lezz bravo…giusto rimando

  7. Wish aka Max ha detto:

    Lezz perdonami ma il fatto che abbiano ammazzato 100 donne in 10 mesi, che mi fa incazzare abbestia, non lenisce la mia incazzatura abbestia per il solito gioielliere che porto come esempio classico, che dichiarando 10.000 euri all’anno può mandare la figlia al nido comunale mentre il mio collega, famiglia monoreddito con 24.000 euri lordi anno non la può mandare perché in graduatoria risulta “ricco”. Perché al netto del fatto che non paghi le tasse, e già per quello ti strapperei le viscere per strangolartici, la beffa nella beffa è che usi tutti i servizi riservati ai poveri! Quindi alla fine noi poveri imbecilli che paghiamo ce l’abbiamo nel culo due volte. La prima perché paghiamo tutto sino all’ultimo centesimo, la seconda quando ci vengono aumentati i costi di determinati servizi per agevolare le fasce meno abbienti, e in quelle fasce surrettiziamente vanno a finire gli evasori….

    Perché se entriamo nella logica del “questo problema non è nulla rispetto a quest’altro” dovremmo tutti immobilizzarci rispetto al fatto che ancora oggi ci sono migliaia di bambini che muoiono di fame. Combattere il problema della fame nel mondo è doveroso. Come è doveroso indignarsi e impegnarsi per evitare che 100 donne siano uccise in 10 mesi. Come è doveroso indignarsi e impegnarsi per evitare che quel figlio di puttana che si tiene in tasca soldi della collettività e attinge a servizi riservati ai meno abbienti continui a farlo impunemente. E anzi venga stanato e messo alla gogna. Scusate ma quanno ce vò ce vò.

  8. lezapp ha detto:

    No Wishaka, nessuna logica del ‘ uno è nulla rispetto all’altro’, tranquillo. Stavo solo ragionando su un’altra frequenza. Io direi che i poveri l’hanno nel culo in modalità perpetua, altro che due o tre volte. È che, oltre a tutto ciò che stiamo vivendo in rete e non solo, cazzo, mi arriva sta notizia da “sin city”, delle 10 donne ammazzate al mese (lasciamo stare le motivazioni, senno
    sparo alla tv….)….. capisci ?
    In questo squallido video gioco a quanto pare non esiste né la ‘pausa’ ne il ‘game over’ ……. Fuck this shit, people !!!! notte a tutti……zzzzzzzzzzzzzzzzzzz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...