Fra moglie e marito, fatte li cazzi tua.

Pubblicato: 15/02/2013 da 2010fugadapolis in Cose che mi fanno incazzare, Generale
Tag:, ,

Non sono nuovo ad esperienze di questo genere, ma quella di stamattina è la prima che finisce così.

Ho aspettato un po’, il tempo di sbollire e far calare l’adrenalina, ma la devo raccontare qui ed ora. Porco dio.

Ironia delle ironie, ieri non era la giornata mondiale contro la violenza sulle donne o qualcosa di simile ? Vabbè.

Mattina presto, solito tragitto casa – lavoro. Poche macchine, ma quella davanti a me si muove in modo strano: frenate inconsulte, sbarellamenti a destra e a sinistra, invasioni di carreggiata opposta, accelerazioni senza senso. Penso “ma che cazzo si è bevuto, questo” ? Alla terza volta che rischio di andargli in culo perchè frena senza motivo gli suono. Niente, nessuna reazione, continua a guidare a cazzo.

Guardando meglio vedo che all’ interno sta succedendo qualcosa. L’ uomo alla guida (all’ inizio pensavo stesse mandando messaggini o giocando a Ruzzle) sta sbracciandosi e sta dando delle legnate al passeggero. In maniera isterica, mentre continua a (più o meno) guidare la macchina. Visto da fuori non si capisce bene, ma sembra che il passeggero non reagisca minimamente.

Ancora non so cosa sta succedendo ma decido che mi hanno comunque rotto i coglioni: approfitto del rallentamento, affondo il gas e mi affianco. Quello che vedo dal finestrino non mi piace per niente, da lì in poi è un attimo: finisco il sorpasso, mi ci metto davanti, metto le quattro frecce e mi fermo. Quello non fa in tempo a scartare e si ferma pure lui. Scendo al volo, guardo dentro e ho la conferma di quello che avevo intravisto. Il passeggero è una passeggera, mi guarda con due occhi così mentre con un fazzolettino cerca di tamponare il sangue che le esce dal naso.

Io dico “che cazzo stai a fà, a pezzo demmerda”.

Lui dice “fatte li cazzi tua, vattene sinnò t’ammazzo pure a te”. Ecco. Lo sbaglio suo è stato lì. Non finisce di dire la “e” di “te” che ho aperto lo sportello, l’ho trascinato fuori dalla macchina, l’ho sbattuto per terra e ho cominciato a prenderlo a calci. Io queste cose non le devo fare, lo so, mi hanno avvertito. Sono stato buono e bravo per anni, ho resistito, non mi sono mai attaccato con nessuno per strada, ma a parte tutto se uno mi dice “t’ammazzo” non posso mica stare fermo.

Quando è troppo è troppo.

Neutralizzata la minaccia (mi ci sono seduto sopra) cerco di vedere come sta la ragazza. Piange, strilla, non capisco un cazzo di quello che dice, ma a parte la faccia decisamente pista sembra stare bene.

Poteva finire qui, poteva. Invece da una delle macchine che nel frattempo si erano accodate scende uno che si qualifica come Carabiniere. Non ha visto un cazzo, anzi ha visto solo un coglione che ha superato e bloccato una macchina, ha strillato qualcosa, e ha gonfiato l’autista. E adesso ci sta seduto sopra. Il coglione sono io, e sono evidentemente un aggressore. Sembra una delle tante liti da traffico, quelle da cui mi tengo sapientemente lontano da anni.

Sono chiaramente nella merda. E che merda. Merda pesante.

Per farla breve, arriva la Gazzella del 112, identificazioni veloci, comunicazioni con la centrale, sono sempre più nella merda. Spiego la mia versione dei fatti, confidando nel fatto che le condizioni della ragazza siano abbastanza convincenti. Il problema è che la ragazza non parla italiano (anzi non parla proprio) e l’ altra versione è: “Mia moglie è caduta in casa, stavo correndo per portarla all’ ospedale, questo matto qui mi ha bloccato e mi ha aggredito“. E la stronza fa si con la testa. E piagnucola. E io sono un altro mezzo metro nella merda.

Tutti in caserma, via. Scortati da due macchine, una davanti e una dietro. Un’ ora e mezza di attesa, alla fine il pezzo di merda rinuncia a sporgere denuncia (probabilmente, visto il tipo, ha più scheletri nell’ armadio di me e ha fatto bene i suoi conti). Tutti liberi, ma a disposizione.  “La prego, nel corso delle prossime due settimane non si allontani da Roma, casomai ci fosse bisogno di sentirla“.

Bene. Mi sa che la prossima volta me faccio li cazzi mia.

Advertisements
commenti
  1. marchettino73 ha detto:

    lezapp su 15/02/2013 alle 16:48 Modifica
    Sicuramente un’immagine vale + di molte parole…. 😆

    Ner tù caso sì :mrgreen:

  2. marchettino73 ha detto:

    M’è vemuto in mente un episodio accaduto a mio zio.
    Vide che in 5 stavano inseguendo uno che conosceva,tutti in motorino.
    Gli andò dietro,li fermò e li tonfò tutti e cinque.E poi gli disse “vergognatevi,in 5 contro uno”.
    E uno di loro,tutto sbriciolato,”ma quello ci stava fregando il motorino” 😆

  3. lezapp ha detto:

    “Il gesto di albertino è lodevole e nobile,ma nasconde un problema.”

    Capisci ammè, Marchè:l’esempio riportato nel post, è una cosa seria, molto seria, e non servono disegni; è la tua frase virgolettata che non mi fa capire. Non voglio fare il bakkettone, non è questo il mio spirito, ma bensì distinguere i significati delle parole usate rispetto all’accaduto. Dunque: o è nobile o lodevole, cazzu !! Cumpresu masa ?? 😛

    *NOBILTà- Particolare dignità o prestigio o superiorità in senso fisico o morale o sociale.
    “Noblesse Oblige”, si usa alludendo a obblighi che qualcuno contrae con se stesso, non imposti da motivi legali o mortali, ma derivati da una condizione di nobiltà di carattere che il soggetto si attribuisce.
    *LODEVOLE- che merita lode (cioè, un punteggio massimo). Indicava nel passato, nelle scuole elementari, il voto massimo.
    P.S. Lezapp, al discorso serio, c’è; e volecapì.

  4. marchettino73 ha detto:

    Tutte e due.Puoi essere nobile ma cacasotto.
    Oppure fare un gesto lodevole,ma solo per il proprio ego.
    Altre domande? :mrgreen:

  5. lezapp ha detto:

    …come non detto Marc. 10/4

  6. marchettino73 ha detto:

    Ma no dai,un t’arrabbià….la prossima volta ci scrivo solo “bravo” 😀
    O che spiegazioni vòi su….si capisce il senso,m’affoghi ne’ mocci come i bimbi 😆

  7. Giangius ha detto:

    appena letto il commento di albert, preso il catorcio per delle commissioni ed ho incontrato nell’ordine:
    – una volante dei carabinieri sfrecciare dietro di me
    – una postazione della polizia che ha fermato n’auto poco prima di me
    – due vigili urbani a piedi

    San Albert e Beato Marchetto han fatto il resto 😀

  8. marchettino73 ha detto:

    Sì però se ciài da frenà frena eh…..a pregà padre pio un ti fermi :mrgreen:

  9. marchettino73 ha detto:

    @gian
    Prendi l’appuntamento per la revisione e fattelo dare per iscritto.Almeno puoi dimostrare che lo stai per fare.Se un ti fermano però è meglio 😀

  10. lezz ha detto:

    Arrabbiato !!! Figurati, sei te che non distingui (per non dire che fai confusione)!! 🙄 E’ inutile…. la storia(e non solo) ce lo racconta; con i toscani non si possono fare discorsi seri…..manco cascassero meteoriti in maremma. 😆
    P.S. Bravo, è il nome della automobile…. :mrgreen:
    @Giangius: …sul beato Marchetto, oggi ho dubbi. 😕

  11. marchettino73 ha detto:

    Mi illumini dove sto facendo confusione 😀

  12. lezz ha detto:

    Sei trooooooooppo Toscano. 😛 Ti do una mano a far luce, va .. 💡

  13. marchettino73 ha detto:

    Orgoglioso di esserlo :mrgreen:

  14. steffa88 ha detto:

    io dico che quando vedi una scena come questa il discorso legale/illegale/mebeccano non esiste, il cervello semplicemente si spegne: se non sei completamente insensibile, (e hai le palle) intervieni, altrimenti ti caghi sotto. fine della storia.

  15. rubber88 ha detto:

    e quando dico intervieni intendo proprio gonfiarlo di botte più che si può, in questo sono molto israeliano: bastona per primo, e bastona forte.

    è anche vero che questo vale quando sei dalla parte della ragione, e sei pompato, perché circa un anno fa un tizio mi ha alzato la mannaia a mezzo metro dalla faccia, ma più che a menargli mi faceva pena, perché lo stronzo ero io.

  16. IL GIUSTIZIEREDELLANOTTE ha detto:

    Bravo,bravissimo,io avrei fatto la stessa cosa,e conoscendomi un pochino non mi sarei fermato a sedermici sopra,il tuo o suo gesto e’ stato veramente da persona seria e con ideali sani,fa piacere,aprescindere che ,sia finito quasi nella cacca,che ci siano persone come lei in circolazione,perche’ purtroppo al giorno d’oggi nel nostro caro paese queste cose succedono sempre piu’ frequentemente,e spesso chi si trova di fronte a tali violenza guarda sensa reagire,e mi spaice dirlo sono sempre le donne che ci finiscono in mezzo ultimamente.
    Uomini,se cosi si possono chiamare che iveiscono con parole e percosse su delle donne mi fanno solo schifo,e vorrei tumafarli di calci nei coglioni,ma come fai a sentirti uomo se massacri una donna,pezo di merda.e’ assurdo che non si riesca afre nulla,sono disgustato,essendo un marito,per la mia cara compagna vorrei sempre il massimo e cosi per la mia famiglia,per questo dico a questi vigliacchi che sono delle merde ma prima o poi si devono imbattere in qualcuno che glie la faccia pagare.
    GRANDE ALBERTINO GRANDE HAI TUTA LA IA STIMA

  17. lezz ha detto:

    Oh gente, è arrivato C.Bronson in Fuga……sticazzi !!!

  18. ILGIUSTIZIEREDELLANOTTE ha detto:

    Vede sig. lezz,penso che lei si sarebbe comportato allo stesso identico modo.

  19. lezz ha detto:

    Si, condivido. Basta chiedere conferma a i tre vigili , di quanti calci si son beccati…. 😆 Bianchi di merda… 👿

  20. Pigi ha detto:

    La cosa giusta da fare non era né fregarsene né fare di testa propria.
    Bisognava prendere il numero della targa, il tipo di auto, e chiamare il 112 fornendo le indicazioni stradali opportune.
    E’ più che sufficiente.

  21. alsalto ha detto:

    @albert1

    questo tuo post e’ una formidabile cartina tornasole delle differenti mentalita’ umane
    e qui se ne stanno di gia’ esprimendo una variegata quantita’

    ha tanto il sapore di una (per quanto magari involontaria) indagine antropologica con i controcazzi

  22. lezz ha detto:

    @Pigi
    Bona seraaaaaaaaaaaaaaaaaa……. 😕
    Alsa, mi hai anticipato… confermo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...