Quando il PM la fa fuori dal vaso.

E’ di questi giorni la notizia dell’ arresto da parte dei Carabinieri del PM romano Roberto Staffa.

Se ne parlava già da un po’ di tempo, un riassuntino lo trovate qui, in breve l’ accusa formalizzata dal Tribunale penale di Perugia (che è competente sui Giudici romani) si basa sul fatto che nel tempo, il PM avrebbe commesso gravi abusi del suo Ufficio in cambio di prestazioni sessuali ottenute da un po’ tutto lo “scopabile” umano. In altre parole, chiunque potenzialmente fosse in grado di ricevere le sue “attenzioni” sessuali (donna, uomo, trans) poteva chiedere favori a questo signore, che non lesinava informazioni riservate, manipolazioni di atti d’ ufficio ed altri “benefit”, fino ad eventuali scarcerazioni.

Tutti i rapporti, tanto per non perdere di vista l’ oggetto della questione e per ricordare chi era che comandava, venivano consumati nell’ ufficio personale dello Staffa, nel Tribunale di Piazzale Clodio.

Chi scrive ha seri motivi personali per essere molto contento di questa notizia, ma a parte questo (che comunque non mi consola) la situazione è desolante. Pur senza voler fare di tutta l’erba un fascio e con tutti i benefici del dubbio possibili, mi chiedo: questo l’ hanno beccato, ok. Ma quanti ancora ne devono uscire fuori ? E soprattutto, come è possibile che accadano cose di questo genere ?

Non vado oltre, ma di domande ne avrei…

25 pensieri riguardo “Quando il PM la fa fuori dal vaso.”

  1. Suvvia dai Albe’ sii moderno!
    E che t’aspetti che uno investito d’autorita’ possa poi non usarla per agevolarsi?
    Uhuhuhuhuh!!!
    Guarda che l’autorita’ s’acquisisce per investitura mica per meriti?
    Senno’ sarebbe autorevolezza.
    Va a finire che pure sta volta finisco per scacarvi la vita coi miei discorsoni anarchici.
    Siamai!!

  2. Fufù? Bella giornata oggi
    “Ma quanti ancora ne devono uscire fuori ?” Oh cazzo, Albè !! Solo a pensarci….. Pur senza fare un fascio di tutta l’erba, avoglia tu quanta merda tornerà a galla !!
    Alsa,” Va a finire che pure sta volta finisco per scacarvi la vita coi miei discorsoni anarchici.”
    Non so gli altri, ma a me piace essere scacato da i tuoi discorsi…

  3. Ma questo è solo un malato di sesso. Alla fin fine, sono marachelle in confronto ai danni che provocano i suoi colleghi. Per questo lo arrestano.

    E l’Ilva? Con la distruzione della produzione italiana di acciaio, sulla base dell’ovvia constatazione che l’industria inquina. Chiudiamole pure tutte, così respireremo aria pura, fino a quando non avremo più da mangiare.

    Segnalo poi il caso di Cellino, presidente del Cagliari calcio.
    E’ accusato di peculato, un reato che può essere commesso solo da pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio. E Cellino non lo è.
    I soldi finiti allo stadio sono soldi pubblici, regolarmente iscritti a bilancio, e che vengono destinati ad un bene pubblico, lo stadio appunto, che è proprietà del comune.
    Le procedure per i lavori non sono state regolari? E cosa c’entra Cellino?
    Ha fatto pressioni per fare dei lavori? E perché, è vietato?
    In ogni caso, non può essere peculato, né per lui, né per gli amministratori, perché i denari sono rimasti nel patrimonio pubblico.

    Questi teppisti, questi magistrati intendo, vedono un comportamento che non gli piace, una persona che gli è antipatica, poi cercano nel codice un reato a caso che gli assomigli. In questo caso facendo fuori dal vaso in maniera tale che neanche il più scalcagnato studente in giurisprudenza possa uguagliarli.
    E nessuno li butta fuori.

  4. Pigi: d’accordo su tutta la linea, solo non sottovalutiamo il caso in questione. Malato di sesso ? Forse. Però se sei “malato” non fai quel lavoro, e soprattutto non ti occupi – guardacaso – di reati attinenti la tua “malattia”.

    Questi teppisti (mi piace il termine) hanno in testa di poter fare il cazzo che gli pare, e il bello è che hanno il potere di farlo. Altro che casta.

  5. Ecco cosa succede quando la giustizia è priva di giustezza. Alberto,se è per questo, credo che tutti hanno il potere di fare o disfare; cittadino in prima fila.

  6. Lezz: permettimi di dissentire. Quelli con una firma ti mandano le guardie a casa alle cinque di mattina e ti fanno chiudere in cella. A prescindere. Mi sembra un po’ asimmetrico come “potere”…

  7. Si, condivido il dissenso; ancora una volta mi sono espresso male. Nel senso che, anche ad un cittadino qualunque, se gli schizzano veramente i 5 minuti, si alza una mattina (possibilmente in orario più comodo) va , e gli spara. E senza dover firmare nulla…. Sarà una eccezzione come evento, o come esempio, ma più passa il tempo e meno ci saranno eccezzioni …
    Comunque, rimane il fatto di assenza di giustezza.

  8. Quanto casino per un paio di bocchini, 69, sodomizzazioni, cumshot gogliardici.
    Di base c’e’ solo la voglia di vivere e star bene di un uomo solo chiuso nella sua stanzetta che chiede aiuto con l’unico mezzo che ha, fiotti di sperma tiepida.

  9. Ti sorprenderebbe apprendere quanto a volte le armi da fuoco si rivelino inefficaci… 😉
    E poi, non è quello il metodo per risolvere certe questioni.
    Il problema è alla base, sta nel fatto di essere beotamente convinti di vivere in democrazia quando così, di fatto non è. Non si risolve nemmeno espatriando (come tanti credono), tanto più o meno è la stessa storia ovunque.
    Più passa il tempo, più l’ eremo mi appare unica soluzione.

  10. e pensa che quelli sono miliardari (e in euro)

    grazi alsy per le tue sempre fini immagini pennellate con superba immaginazione 😛

  11. I carabinieri che arrestano un Pm mi sembra un bell’esempio di democrazia,sarebbe come se Alfano dicesse che Silvio ha comprato dei deputati :mrgreen:

  12. grazie a te cara perply, o mia gran sacerdotessa della mona depilata!
    siam qui per servirvi
    dica solo una parola ed io saro’ salvato.

    amen

  13. Certo che non è quello il metodo, era un esempio. Albè, rimane il fatto che sono essi/loro a cagarsi sotto tutti i giorni; se no, non si spiegherebbero tutte scorte, i segreti di stato e le autoblindate a nostre spese. Per loro, siamo noi i pericolosi….. Come mi fu spiegato da un amico di famiglia: if you wana do it, do it, but don’t get cought.
    Vi lascio…. ciauzzz

  14. Credo che il punto di vista giusto,senza citare casi particolari,sia fondamentalmente quello di pigi.
    Il problema della magistratura è la lentezza,la farraginosa burocrazia.
    Casi come questo che abusano del loro potere per ottenere “favori” ci sono anche in altri settori,tipo lo spettacolo,e anche più numerosi.
    È sempre esistito…..è vero,è preoccupante se lo si ritrova anche laddove dovrebbero garantire la legalità.
    Io,per esempio,trovo più grave un giudice che si fa corrompere…..questo è solo un poveraccio, un cervello malato….da prendere a roncolate (perché visto il ruolo ricoperto gli farebbero bòno) 😀

  15. Bastart.
    Che poi magari ci si sveglia una mattina e t’hanno sgamato il 6,5% dei risparmi dal conto corrente.
    E tu vagli a spiegare che erano gia’ tutti spesi, giocoforza, e solo a scadenza.
    E agli altri spiegagli che i soldi c’erano, che mica che te li sei spesi a cazzo al casino o gratt’evvinci, c’erano sino a ieri sera, lo giuro.

    E poi dimmi con chi o con cosa te la pigli.
    Io saprei solo DOVE te la pigli.
    Il mondo mica e’ giusto e poi se uno dice:”Con la distruzione della produzione italiana di acciaio, sulla base dell’ovvia constatazione che l’industria inquina. Chiudiamole pure tutte, così respireremo aria pura, fino a quando non avremo più da mangiare.” va a finire che ce lo si e’ pure meritato, che s’e’ fatto proprio di tutto per mandarcela sulla schiena e mo’ muti.

    Il pensiero unico, quello che la crescita si e’ bella ed infinita e la guerra e’ bella anche se fa male, che se lui si fa il suv magari fottendosi pure qualcuno e qualcosa comnque si va bene che l’economia gira almeno.
    E che allora giri questa bella economia, che giri come una corda intorno al collo e poi zacc.
    In culo.

  16. Alsy- …thats’ write, old man !! 😉 For some people it’s never enough.
    Musical wise, i really dig this boy…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...