Grillini brava gente.

Pubblicato: 20/03/2013 da 2010fugadapolis in Generale
Tag:, , , , , , , , ,

Non era questo che la gente voleva ?

In questi giorni, dove ti giri ti giri (televisione, giornali, rete, bar, fermata dell’ autobus) sembra che lo sport nazionale sia diventato il “tiro al grillino“: c’è chi lo pratica per puro diletto, chi perchè “fa audience”, chi con uno scopo preciso (nello specifico in piena malafede), chi invece in buona fede e argomentando razionalmente (come il nostro Wish, con il quale vedrò di non discutere mai di politica 😉 ). Però sembra che tutti si siano messi d’ impegno a dileggiare gli atipici esponenti di questo atipico partito (anzi Movimento, guai a chiamarlo partito).

La mia posizione è chiara da sempre, ripeto per chi si fosse messo solo ora all’ ascolto che il sottoscritto vede solo una via, che questa via si chiama Berlusconi di cognome e Silvio di nome, che più passa il tempo più la vede chiara, e che ciononostante ha salutato l’ inaspettata ascesa del M5S come un fatto estremamente positivo e degno d’ attenzione.

Fatta questa debita parentesi, torniamo al tema del Post.

Allora, siamo stati tutti quanti anni ed anni a sfrangiare i coglioni sulla “casta“, sulla “vecchia politica“, sulla necessità di rinnovamento e cambiamento, sul bisogno assoluto di facce, idee, persone nuove. Volevamo gente che non fosse invischiata o in qualsivoglia maniera collegata con il vecchio e paludoso sistema politico, e soprattutto auspicavamo tutti l’ avvento di una Democrazia vera, una Democrazia “dal basso”, una Democrazia “del Popolo”. Eravamo tutti d’accordo (tranne i fautori del mantenimento dello “status quo“, per loro personale vantaggio) sul fatto che fosse necessaria una “scossa“, qualcosa che cambiasse veramente l’ ordine delle cose. Se necessario anche in modo distruttivo, per poi ricostruire una classe politica degna e meritevole del rispetto di tutti. Ancora, eravamo tutti oramai coscienti del fatto che la COMUNICAZIONE avrebbe giocato un ruolo primario, e tutti felicemente accettavamo la Rete come veicolo principale di questa comunicazione.

OK. Allora, perchè adesso cachiamo tanto il cazzo ? (“cacare il cazzo” = “starla a menare” = “rompere i maroni” = “scassare la minchia” n.d.r.)

Il M5S ha dato la possibilità, sottoscrivendo un semplice patto e aderendo ad alcuni princìpi, di andarsi a prendere dei posti di vero potere politico (cosette tipo sedere al Senato o alla Camera). L’ ha data (salvo altarini ancora eventualmente da scoprire) a TUTTI, ma proprio a “tutituti” (cit. Lezzy), praticamente a chiunque avesse un account sul Blog di Grillo e abbastanza tempo da dedicare all’ attività in questione.

Non è “Democrazia dal basso”, questa ? A me pare di si. E mi piace. Urca se mi piace.

E’ ovvia conseguenza di questo il fatto che adesso troviamo in Parlamento veramente di tutto. Tutti i tipi di persone, senza filtro. C’è il complottista, il geek, il nerd, il genio incompreso, la casalinga di Voghera, la ragazza della porta accanto, tutto. Cazzo, sembra Facebook. Anzi, è Facebook. E qual’ è il problema ? Che cazzo vi aspettavate tutti quanti ? Una delegazione del CNR ? Un’ accolita di premi Nobel ? I nipoti di D’Alema ? Eccoli, invece,  sono loro. E’ il Popolo della Rete. Li abbiamo sottovalutati e sono arrivati. E adesso per mandarli via non basterà certo prenderli per il culo o far loro gli scherzi al telefono. Ma poi, perchè mandarli via ? Un terzo dell’ elettorato italiano ce li ha voluti, e mò ce li teniamo. Almeno quanto ci teniamo Berlusconi e Bersani. E’ la democrazia, bellezza !

Quale è il problema ? Una non ha voluto stringere la mano alla Rosy Bindi ? Ha fatto bene, cazzo. Io manco la saluterei, la Bindi, che c’è di male ? Un altro è andato subito a cantarsela su Facebook ? Ha fatto bene, cazzo. Almeno sappiamo tutti subito, in tempo reale che cazzo è successo e qual’è stata la reazione. Vendola ha ribattuto, ma su Facebook non contano le circonlocuzioni verbali senza senso da checca intellettualoide cattocomunista del menga, conta il numero di “amici” e i “mi piace“. Quindi Vendola è morto in partenza, sia quello vero, sia quello finto. Non c’è storia, non c’è partita.

Poi che altro c’è ? Uno non sa chi è Draghi ? E sti cazzi nun ce li mettemo ? Chi se lo incula Draghi (con tutto che gli voglio bene, a Draghi, nulla di personale).

Per come la vedo io, queste questioni non sono di interesse alcuno. Bisogna distinguere, anche nella condotta di questi personaggi, ciò che è nella legge e ciò che non lo è.  Fino a che si comporteranno “legalmente”, rimanendo nell’ ambito di ciò che gli è richiesto formalmente e nelle mansioni del loro ufficio, non vedo motivo di andargli a scassare la minchia. Se intendono distruggere e smantellare gli usi e i costumi, il “galateo” della politica, per me sono i benvenuti. Devono fare “tabula rasa”, altro che cazzi. Le sovrastrutture hanno rotto i coglioni, vanno tolte di mezzo, torniamo alla realtà, per favore.

Solo una cosa io temo. E si sta già mettendo così. E questo mi piace meno: temo che, spinti da tutta questa ostilità (cui non sono per forza di cose abituati, mica possono essere tutti Berlusconi 😉 ) si “infrociscano”, e si pieghino al fine a quelle logiche che fino a ieri dicevano di voler spazzare via. E questo sarebbe un peccato, un’ occasione persa per tutti. Per chi li ha votati e anche per chi, come me, no.

Staremo a vedere. Io sono estremamente curioso. Tanto ormai o si va avanti o si muore, e a me di morire – almeno per un altro po’ – non è che mi vada tanto.

 

UPDATE: il Post è scritto di getto e mi sono reso conto, rileggendolo per intero, che alcuni dei toni e dei termini in esso  contenuti potrebbero far sospettare – ad un lettore sensibile – un certo orientamento omofobo dell’ autore. Per sgomberare il campo dagli equivoci, e per dovere di chiarezza tendo a precisare che non sono omofobo. Nel senso che non ho una “fobia” per i froci. Nel senso che non mi fanno “paura”. E’ solo che sono froci, e a me invece piace la Patata.

Annunci
commenti
  1. alsalto ha detto:

    Bhe’, non mi pare che con questa:

    “La bugia che i propri interessi si possano realmente intersecare a quelle di lui ambizioni e necessita’ e di queste farne quindi virtu’”

    mi ci sia sbagliato di troppo.

  2. steffa88 ha detto:

    Albert non è mai stato berlusconiano, il suo è un artificio retorico 🙂

    Io con il 5Stelle non posso che avere un rapporto di amore e odio:

    da una parte è ecologista ed è l’unico ad essersi scontrato davvero con la casta politica e giornalistica, oltre ad avere avuto un certo coraggio su una questione, quella della TAV, in cui prendere una posizione probabilmente minoritaria non era scontato.

    dall’altra parte però non posso che giudicarne la grossolanità, il complottismo, e l’autoritarismo di fatto. Grillo controlla quel movimento quasi come Berlusconi, non ha il controllo assoluto d’accordo, lo dimostra l’elezione del presidente del senato, ma neanche Mussolini aveva il controllo assoluto.
    In secondo luogo anche quando la democrazia diretta fosse reale non mi farebbe comunque piacere, perché più il sovrano è legittimato più il suo potere è assoluto. Se accettiamo la sovranità di una democrazia diretta occhio che poi questi vorrebbero legittimarsi a comandare su qualsiasi cosa.

    E poi ci sono alcune piccole somiglianze con un certo vecchio movimento politico italiano che mi infastidiscono assai

    Il liberalismo negava lo Stato nell’interesse dell’individuo particolare; il fascismo riafferma lo Stato come la realtà vera dell’individuo. E se la libertà dev’essere l’attributo dell’uomo reale, e non di quell’astratto fantoccio a cui pensava il liberalismo individualistico, il fascismo è per la libertà. È per la sola libertà che possa essere una cosa seria, la libertà dello Stato e dell’individuo nello Stato. Giacché, per il fascista, tutto è nello Stato, e nulla di umano o spirituale esiste, e tanto meno ha valore, fuori dello Stato. In tal senso il fascismo è totalitario, e lo Stato fascista, sintesi e unità di ogni valore, interpreta, sviluppa e potenzia tutta la vita del popolo.

    8. Né individui fuori dello Stato, né gruppi (partiti politici, associazioni, sindacati, classi). Perciò il fascismo è contro il socialismo che irrigidisce il movimento storico nella lotta di classe e ignora l’unità statale che le classi fonde in una sola realtà economica e morale; e analogamente, è contro il sindacalismo classista. Ma nell’orbita dello Stato ordinatore, le reali esigenze da cui trasse origine il movimento socialista e sindacalista, il fascismo le vuole riconosciute e le fa valere nel sistema corporativo degli interessi conciliati nell’unità dello Stato.

    9. Gli individui sono classi secondo le categorie degli interessi; sono sindacati secondo le differenziate attività economiche cointeressate; ma sono prima di tutto e soprattutto Stato. Il quale non è numero, come somma d’individui formanti la maggioranza di un popolo. E perciò il fascismo è contro la democrazia che ragguaglia il popolo al maggior numero abbassandolo al livello dei più; ma è la forma più schietta di democrazia se il popolo è concepito, come dev’essere, qualitativamente e non quantitativamente, come l’idea più potente perché più morale, più coerente, più vera, che nel popolo si attua quale coscienza e volontà di pochi, anzi di Uno, e quale ideale tende ad attuarsi nella coscienza e volontà di tutti. Di tutti coloro che dalla natura e dalla storia, etnicamente,traggono ragione di formare una nazione, avviati sopra la stessa linea di sviluppo e formazione spirituale, come una coscienza e una volontà sola. Non razza, nè regione geograficamente individuata, ma schiatta storicamente perpetuantesi, moltitudine unificata da un’idea, che è volontà di esistenza e di potenza: coscienza di sé, personalità.

  3. Wish aka Max ha detto:

    Quoto steffa.
    E Albert, le tue motivazioni sul tuo berlusconismo sono poca cosa.

  4. alsalto ha detto:

    @steffa88

    Ottima la citazione al pedagogo fascista Gentile ed alla sua “dottrina del fascismo” scritta a due piotte coll’ amorfocefalo traduttore di sputi di predappio.
    Gran grattuggione dell’ordine dei supini del peggior neoidealismo a braccetto di quel grandissimo merdone di croce, osannato e stracitato puntualmente dalla peggiore stercofabbrica pseudo.intelletualoide peninsulare.
    Ed i 2 loschi personaggi zazzeruti tutto questo ben lo sanno.

  5. tafkamrlorenz ha detto:

    Albert e’ berlusconiano perche’ c’e’ gente che e’ berlusconiana, punto
    Non analizzatelo
    Accettatelo
    Gli si vuole bene cosi’
    E’ un po’ come me. Sono antiberlusconiano a pelle. Senza particolari motivazioni.
    Mi sta sui coglioni

  6. Albert1 ha detto:

    Lorè: 😉 Diciamo che per brevità la tua è la soluzione migliore.

    Wish: poca cosa rispetto a cosa ? Certo, l’ ho detto, ci sarebbe da argomentare di più e meglio, ma mica posso fare tutto io, lo sai a che ora mi sono alzato stamattina ? (cit. Guzzanti) 😀

  7. Albert1 ha detto:

    Nel frattempo apprendo che Grillo si è presentato al Quirinale in doppiopetto blu, cravatta e cappotto. Pulito e pettinato. Cazzo, vederlo così mi fa quasi impressione quanta me ne faccio io quando mi metto la cravatta (mai).

  8. lezzy ha detto:

    In fondo, è così semplice da capire!!! Intendo, come lo spiega Lorenz:
    ” Albert e’ berlusconiano perche’ c’e’ gente che e’ berlusconiana, punto” ” E’ un po’ come me. Sono antiberlusconiano a pelle. Senza particolari motivazioni. Mi sta sui coglioni.”
    Mah….!!!

  9. perplessa ha detto:

    albert è berlusconiano un po’ come un tale nasce interista
    non te lo puoi spiegare…..accade, al massimo lo accetti incondizionatamente. Senza domande.

  10. perplessa ha detto:

    ahaha ma quanto era belle grillo buauahahauahuahauhauhauhauahhauhauahah
    😆

  11. tafkamrlorenz ha detto:

    Albe’
    e’ che io sono una persona semplice. Ma parecchio. Forse troppo

  12. lezzy ha detto:

    No Lorenz, la semplicità non è mai troppa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...