… adesso ricordo perchè…

Pubblicato: 07/09/2015 da 2010fugadapolis in Generale
Tag:,

Saranno un tre quattro anni or sono, dopo un periodo di utilizzo abbastanza frequente del mio account Facebook, account fasullo creato per trovare e non farsi trovare (tipo nome e foto vera ma cognome di fantasia), mollai improvvisamente e lo disattivai.

La ragione “ufficiale” era una divergenza di vedute con la mia Consorte la quale – accortasi dell’ account in questione – si chiedeva giustamente perchè stessi andando a frugare nel mio passato (che peraltro conosce molto bene essendo al mio fianco da 23 anni e conoscendomi personalmente da ormai quasi 40). Fu un po’ difficile spiegare che era un “vezzo” e non una necessità, ma comunque finì là.

La ragione vera, però, l’ho riscoperta questo agosto, dopo che per motivi contingenti (un amico che mi aveva chiesto di poter controllare i profili dei suoi due figli adolescenti e che non disponeva di un account – che poi gli ho creato appositamente – per vedere le loro attività) avevo riattivato il profilo in questione. Alla fine, mi sono trovato a connettermi a FB tre, quattro volte al giorno. Ho ricominciato a postare, leggere, notificare e farmi notificare, insomma ci sono “ricascato”.

E allora – vi chiederete – perchè ho nuovamente disattivato il tutto e addirittura ho mandato una mail al supporto chiedendo che il mio account fosse nuclearizzato completamente (cosa che peraltro ad oggi è lettera morta) ?

Perchè – molto semplicemente – Facebook, come tante cose nella vita – mi ha rotto il cazzo. Capisco chi ci “va sotto”, lo capisco perchè è facile. E’ fatto apposta. Io ho già una certa propensione a sviluppare dipendenze (a parte le droghe iniettabili o sniffabili) le ho passate tutte: tabagismo, alcolismo, manie ossessivo-compulsive e chi più ne ha più ne metta. Sono riuscito a togliermele quasi tutte dalle spalle, ma so cosa vuol dire. Allora ho pensato: “ma cazzo, sono riuscito a smettere di fumare dopo vent’anni di 40-60 Marlboro al giorno, sono riuscito a farla finita con le canne in un tempo sorprendentemente breve, sono riuscito a pulirmi quasi del tutto dall’ alcool e poi ricomincio con Facebook” ?

E no, perlamadonna. Fanculo a Zuckerberg. E che cazzo.

Meglio FugaDaPolis. Mille volte meglio. 😀

Annunci
commenti
  1. elinepal ha detto:

    E’ vero, può creare dipendenza. Io lo gestisco in modo saltuario. Però anche il blog la crea, la dipendenza. Inutile fuggire, tanto vale affrontarle, le dipendenze. Forse il fatto di non essere anonima mi aiuta a limitare utilizzo e modalità di utilizzo. chissà….

  2. chica ha detto:

    Io dico che ce la puoi fare a gestire da dentro la cosa….è una sfida…vincila!😜

  3. Albert1_Intimista ha detto:

    Eheheh…
    non è tanto una questione di gestione. E’ proprio che alla dipendenza (gestibile, volendo, basta distrarsi con qualcos’ altro, tipo il lavoro 🙂 ) si aggiunge la rottura di palle. Sarà che non sono un “nativo digitale”, sarà che comunque il mondo dell’ informatica e delle reti in genere è il mio pane quotidiano, rimane il fatto che riesco subito a vedere oltre l’abitudine, oltre il castello di carte creato dai social: alla fine si tratta di un mucchio di stronzate. Una delle cose che mi danno più fastidio è pensare che sto dando i cazzi miei in pasto non solo agli “amici”, ma tramite condivisioni e link praticamente a tutto il mondo. A ciò si aggiunga che le informazioni inserite diventano di fatto di pubblico dominio e – orrore – non le cancellano nemmeno se lo chiedi esplicitamente. Da ultimo, se devo scegliere chi far guadagnare con quello che scrivo e che pubblico, preferisco far lavorare Google (o come in questo caso ingrassare i creatori di WordPress) piuttosto che FaceBook. E’ una questione di preferenze e simpatie 😉

  4. lezzy ha detto:

    fufù a todos

    “E’ fatto apposta” 😉
    … come tante altre “diavolerie” (che personalmente ritengo delle porcate) tecnologiche di distrazione di massa, e non solo; parecchie recano danno fisico, mentale, alla vista…alcuni casi anche la morte.
    L’ultima porcata, per esempio ( sicuramente sfuggita a chi scrive stringhe di comando :mrgreen: ), ce la regala w 10 (che auguro non lo compri nessuno, per tanti altri motivi che lascio a Voi scoprire…).
    Quando l’utente Y apre l’applicazione della fotocamera del proprio pc per configurarla o semplicemente per provarla, w10 fa una foto del bel faccione dell’utente e la spedisce a Microsoft … Bello no ?? ha ha ha ha ha ha ha Che bastardi !!! 👿
    Quindi mi associo all’Oste del blogg e rincaro la dose: E no, perlamadonna, Fanculo a Microsoft e Zuckerberg. E che cazzo.. E che cazzo.

    Riguardo alla dipendenza e la sua gestione, beh, non è la “dipendenza” il vero problema dell’uomo (visto che solo per esistere su questo pianeta siamo titti dipendenti da cibo, aria, liquidi, sesso etc.)
    Si, in fondo è il “sistema” ad essere un gran castello di carta , e FB come altre porcate, nascono dal “sistema”…

  5. marchettino73 ha detto:

    Sono d’accordo con albertino.
    Personalmente lo uso solo per stare in contatto con quelli del gruppo di corsa.
    Per il resto è veramente pieno di puttanate

  6. tafkamrlorenz ha detto:

    Leggo questo post di Albe e contemporaneamente vedo un film…non necessariamente collegato, ma insomma…chiamato “Unfriended”

    Non puo’ che scattare la recensione

  7. perplessa ha detto:

    io manco ce l’ho 😀
    ciao a tutti merde

  8. tafkamrlorenz ha detto:

    ciao cara

  9. reggibirra ha detto:

    Ahiooooo vi hanno dissotterrati?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...