Elton John porta sfiga.

Pubblicato: 09/02/2016 da 2010fugadapolis in Cose che mi fanno incazzare, Generale
Tag:, , , , , , , , , , , ,

Altro che Mia Martini, altro che Marco Masini.

Vestito da beccamorto, gli piace suonare ai funerali, insomma non è più l’Elton di una volta… invecchiando ha perso un po’ di smalto, ha riposto la genialità, ha preso un po’ di cazzi di troppo ed ecco il tramonto di una stella. E se tutto va bene (ho molta fiducia nei suoi superpoteri), questa sera suonerà – con leggero anticipo – al funerale di questo governo malaticcio e acciaccato che ci portiamo dietro da troppo tempo.

Perchè dico questo ? Beh, ragazzi, potrei sbagliare, ma ho la netta sensazione che tutta questa faccenda della Cirinnà, delle Unioni Civili, della Stepchild Adoption, di quelli che imporopriamente vengono chiamati “matrimonii gay” e via elencando e froceggiando, altro non sia che l’occasione (da molti architettata e concertata) per far cadere il Governo in maniera pesante. E sarebbe pure ora. Che me sarei pure rotto er cazzo e gradirei usare la mia tessera elettorale che mi sta facendo la muffa.

Si, lo so, detta così suona un po’ strana, ma lasciatemi il tempo di raccontare come la vedo: cominciamo dall’ inizio…

L’ esigenza di un istituto alternativo al “matrimonio” (anche a quello civile) si sente diciamo pure da sempre, e sono – a mia memoria – almeno una ventina d’anni che periodicamente qualche testa a uovo di questo o quel partito cerca di aprire la strada per una visione diversa. Ricordate i PACS, i DICO, e tutti quei fantasiosi acronimi che nel tempo si sono susseguiti per indicare queste che oggi (con estremo dispendio di fantasia) vengono chiamate “Unioni Civili” ? Ecco. Cosa se ne è fatto da vent’anni a questa parte ? Un beneamato cazzo. Un beneamato cazzo con le cipolle, ad esser precisi. Perchè poi alla fine è un tema che alimenta il dibattito come pochi, fa andare avanti sedute parlamentari fiume, milioni di emendamenti, giustifica lo stipendio, ma la responsabilità vera non se la vuole pigliare nessuno. “E che sei matto ? Andiamo a toccare la chiesa, il diritto di famiglia, il diritto canonico, il cazzo che vi si frega a tutti quanti… vabbè noi ci abbiamo provato, adesso passiamo ad altro, che so, le quote latte, l’Europa, le banche, i rifugiati, i negri, dimentichiamo in fretta e andiamo avanti che la vita continua“.

La novità di questi tempi moderni (e di questa nuova incarnazione del problema) è che si sono messi ad alzare la voce anche gli amici omosessuali, che ultimamente tendono a fare lobby, dato che sono riusciti (brutta cosa la noia) a far diventare di moda anche la frociaggine. Il risultato è che per l’opinione pubblica – che poi è quella che conta – il concetto di “Unione Civile” è ormai sinonimo di “matrimonio gay”, con tutto quello che segue. E quindi la lotta è aperta. Non me ne vogliano Froci e Finocchie, i quali per quanto mi riguarda sono liberissimi di buttarselo in culo o slinguarsi le patate a volontà, così come sono liberissimi di amarsi, proteggersi, comprarsi casa, lasciarsi eredità, eseguire le volontà della / del partner quando questa / o è impossibilitata / o per malattia… insomma tutte quelle cose giuste e legittime per una coppia di esseri umani adulti, consapevoli e responsabili. E mica lo dovrei dire io, eh ? Non dovrebbe esserci bisogno. Se ad oggi non è ancora così non ve la prendete con me: io non sono omofobo di natura (anche perchè fobia vuol dire paura e l’ ultima sensazione che mi provoca l’omosessualità è proprio la paura)… lo divento solo se rilevo un pericolo per la mia persona, e fino ad oggi questo non è mai successo. Prendetevela con i bacchettoni, i preti, i democristiani, i comunisti, con chi cazzo vi pare ma non con me. Una volta chiarito che il mio culo non è a disposizione, ed il mio pisello nemmeno, andiamo d’accordo.

Quindi, amici eterosessuali – che sentite come me il bisogno di dare un valore legale alla vostra unione anche senza farvi mettere il timbro da un parroco o da un sindaco – se pure questa volta non se ne farà un cazzo, oltre che con tutto l’elenco di bacchettoni di cui sopra prendetevela pure con questa imperante “Lobby Gay” (nel senso più deleterio del termine “Lobby” che per altri versi è una cosa bella) che invece di combattere per ciò che è giusto si allarga introducendo concetti non “immorali” (della morale me ne sbatto, si sa) bensì “innaturali” ed esagera, alimentando il dibattito – a favore dei vari opinionisti di partito e non – e collaborando così a rendere la cosa impossibile.

Amici omosessuali, mi rivolgo a voi: la vostra è una condizione “innaturale”, nel senso che ai fini della sopravvivenza della specie non serve a un cazzo. Che “in natura” siate sempre esistiti è vero: sin dagli albori della nostra razza esiste l’omosessualità, ma questo non ne fa una cosa utile allo scopo ultimo della razza stessa. Due esseri umani dello stesso sesso non possono generarne un terzo. Punto. Non c’è storia e non c’è miracolo della scienza che possa far succedere questo. Ci vuole tanto a capirlo ? E che cazzo. E se avete bisogno di altri strumenti per farlo “a forza”, allora diventate come il paraplegico sulla sedia a rotelle, o Hawking che parla(va) col sintetizzatore vocale. Siete voi stessi che vi autocatalogate come “malati“, “handicappati“, “minus habens“. Non io. L’ omosessualità non è una malattia (così come non è una cosa genetica, mi dispiace, se vi garba è una vostra scelta), ma se fate così lo diventa.

Allora, per favore, smettetela di dire e fare cazzate: amatevi, vivete e lasciate vivere. Le vostre scelte sono un vostro diritto, ma dovete capire che ciò che non vi è dato dalla Natura (che poi è la stessa che ci rende tutti uguali quando decide di farci schiattare, quindi direi abbastanza autorevole, altro che dio e allah), non potete prendervelo a colpi di leggi e decreti. Se esistono troie disposte a vendersi un figlio (e papponi – per par condicio – che ci guadagnano) non vuol dire che sia la strada giusta.

Le “Unioni Civili” servono a tutti, etero e omo. Cominciamo per favore a puntare l’attenzione sulle cose davvero utili e mettiamo da parte le velleità del cazzo. Solo così (forse) ci sarà speranza di ottenere qualcosa… diversamente ci troveremo fra altri vent’anni a discuterne ancora senza aver risolto una fava. E allora divento omofobo, davvero. Perchè quelli disposti a passare su qualsiasi cosa pur di ottenere quello che vogliono – quelli si – mi fanno paura. Davvero.

 

Advertisements
commenti
  1. alsalto ha detto:

    Bravo!
    Dilielo a quei quattro culatoni che quei normali e naturali siamo noi altri!
    Che in natura si sa’ che quei cosi’ li mica che acadono! No?
    In natura ce il mascio che si scopa tutte le femine e amazza i altri masci deboli, altro culatoni!
    Cip ciop adoscin dele mie bale!
    Bravo! Tu si che sei NATURALE!
    Bravo!

    ps. io vieterei anche l’acua gasata che mica che e’ naturale quela roba li’, e’ roba di culatoni l’acua gasata. Pio bove! Bravo.

  2. alsalto ha detto:

    LA FAMILIA NATURALE!!
    Porco bove!
    I omini coi braci forti che portino il pane a casa e la dona a cacare i filii e muta come deve esere NATURALE!

  3. alsalto ha detto:

    Bel post, ma due didascalie potevi mettercele, no?
    Che noi gente NATURALE se non ci abiamo le imagini legiamo contro volia.
    Comunque BRAVO che sei tu che sei NATURALE mica come i pilia cazzi e le leca fiche!
    BRAVO CHE SEI TU UOMO NATURALE!

  4. Albert1_Incompreso ha detto:

    A FROCIOOOO !!! 😀 😀 😀 😀 😀

    Eheheheheh… Francè, già ti sei distratto così, se ci mettevo pure le foto nun ce capivi proprio ‘n cazzo… 😉

  5. alsalto ha detto:

    Albe’, pero’ credimi, tutto ma non m’aspettavo che avresti trattato tale argomento in simile maniera.
    Naturale? E che cazzo c’entra la natura?
    In natura mica esiste la famiglia, casomai il branco, la comunita’.
    Ne la coppia stabile (tolto pochi e rari esempi) ne la famiglia sono contemplate dalla natura.
    In natura, per una questione che Darwin ha definito di competitivita’ genetica, ovvero la sopravvivenza dei più efficaci a moltiplicarsi nel loro habitat (tra l’altro parzialmente obsoleta per i genetisti contemporanei), ci rovi il maschio alpha.
    Questo provvede prima a fottersi con la lotta (lupi, gorilla etc.) o tramite altre forme (pavone, piumaggi, livree, canto etc..) i suoi competitori e poi s’occupa di trombarsi tutte le femmine fertili presenti sul territorio di cui ha preso possesso. Spesso provvedendo pure a massacrarne la precedente progenie per questioni sempre di predominio genetico.
    Vedi bene quindi dove stia insita la stronzata colossale del NATURALE.
    A ben vedere l’uomo che vivesse “l’unione naturale” sarebbe un maniaco omicida poligamo ed infanticida, pressappoco.

    E non mi controbattere col discorso “famiglia naturale” che siamo sempre nel medesimo pantano.
    L’uomo se c’e’ una cosa che da sempre si sforza di fare e’ quella di sganciarsi dall’ordine “naturale” delle cose.
    Dimostrazione e’ l’uso di utensili, abiti, la societa’ e le sue regole scritte o implicite.

    Al massimo puoi giocarti la carte della MORALE, non del naturale, senno’ mi diventi un giovanardi qualsiasi.
    Quindi e’ IMMORALE.
    Come farsi le pugnette che ti rendono cieco.
    O tenere le scarpe sul tavolo.
    Morale superstiziosa, poiche’ non supportata da dati scientifici.

    Il motivo perche’ scientificamente immorale e’ l’incesto.
    Sappiamo cosa causi ed in passato abbia causato l’incesto e la relativa consanguineita’, no?
    Orde di emofilici piu’ tutta una divertente collezione di problematiche genetiche nei ceppi nobiliari.

    Superato questo, ammesso sia superabile in quanto la morale cattolica sa esser pervicace quanto ipocrita, mi si dovrebbe spiegare che diritto e liberta’ possa mai esser quella che preveda che non venga riconosciuta liberta’ e diritti altrui.

    Sai, poco tempo fa (ma ancora oggi, eccome) c’era chi si sperticava nel sostenere la leicita’ delle leggi razziali, del non diritto al voto femminile, della bonta’ della schiavitu’.

    Kipling, quel pezzo dimmerda, per citarne uno ma la schiera e’ folta, e’ stato osannato ed in parte lo e’ tutt’oggi.
    Il fardello dell’uomo bianco je lo si dovrebbe metter su per culo a mio avviso.
    Naturalmente, s’intende.

  6. Albert1_Due_Volte_Incompreso ha detto:

    Ah… come è dura la vita…
    Uno si smazza per spiegare una cosa, esprimendo un’ opinione che alla fine se vedi bene esula dal dibattito attuale (nel senso che è proprio la MIA, non parlo con parole di altri) e poi alla fine si trova ad essere comunque incasellato in questo o quel mainstream di pensiero.

    Brutta cosa il pregiudizio.

    Per favore, Francè (virgola porcodio virgola) leggi meglio. Puoi farlo, fallo.

    Dove hai letto “famiglia naturale” ? Non lo penso, non l’ho scritto. Queste cazzate le lascio alla Meloni, a Giovanardi (già citato), a chi ti pare. Per me il termine “famiglia” è pure abusato: una “famiglia” secondo me è un insieme di cose o persone o animali che abbiano caratteristiche comuni o che siano in qualsiasi altro modo collegati fra loro. Ed è già una classificazione logica fatta a posteriori, quindi sicuramente non “naturale”. La Natura se ne sbatte il cazzo delle famiglie. Ce le siamo inventate noi per comodità, per spirito di classificazione e razionalizzazione. Ci sono famiglie di funghi, famiglie di microprocessori, famiglie di virus, famiglie di cellulari, famiglie di fatto e di diritto, ma a me non me ne frega un cazzo. Non è questo il punto del mio post.

    Io ho scritto e sostengo – semplicemente – che in natura non esiste possibilità di generare vita umana partendo da due individui dello stesso sesso. Punto. Per fabbricare un essere umano serve un utero (femminile) che contiene un ovulo (femminile) che fecondato da uno spermatozoo (maschile) inizia lo sviluppo di un embrione che al termine di un periodo di gestazione (nel nostro caso circa 9 mesi, settimana più settimana meno) ha tutte le caratteristiche necessarie per vivere di vita propria.

    Adesso, se pure tecnicamente è possibile dare impulso a questo procedimento in maniera “artificiale”, non vedo perchè qualcuno si dovrebbe arrogare il diritto di farlo e (cosa peggiore) convincerci tramite “legge” che è pure giusto e normale.

    Posto (ogni teorema ha degli assunti e dei postulati) che a mio avviso la condizione di “omosessuale” non è innata, non è genetica, insomma non si nasce omosessuali bensì ci si diventa (che se ne sia coscienti o no, e non è una “malattia”, ma una scelta), volere a tutti i costi una cosa che si è preventivamente deciso di non avere mi pare una cazzata.

    Ergo, non vedo alcun limite al riconoscimento dello status di “famiglia” con riferimento ad una coppia omosessuale. Nessun limite se non quello invalicabile posto dalla Natura stessa.Diritti, doveri, marchette, contributi, eredità, tutto quello che due persone che decidono di legare i loro destini possono desiderare, tutto tranne la procreazione che semplicemente a due persone dello stesso sesso (e talvolta anche a due di sesso diverso) non è data. Sic et simpliciter.

    E come vedi (e come specificato) non è nemmeno una questione “morale”. Di morale ognuno ha la sua e ci fa quello che cazzo gli pare, tranne tentare di imporla agli altri. Nel mio libro non c’è scritto nulla al riguardo, una serie di pagine bianche, pulite come la mia coscienza, nuova nuova ed ancora incellofanata, dato che in circa 47 anni non l’ho usata manco una volta.

    E, ripeto, i “diritti” (per quello che valgono) delle coppie di fatto mi stanno a cuore. Molto a cuore. Sia che queste coppie siano di sesso uguale che diverso. Quello che mi dà al cazzo è che ora per un motivo, ora per un altro sono più di vent’ anni che se ne chiacchiera e ancora non è uscita fuori una beata minchia. Se adesso ci si mettono pure le pretese di froci e lelle sicuro se ne parlerà per altri venti e facciamo tutti in tempo a schiattare. Che la Natura non aspetta.

    Mi sono spiegato meglio ?

  7. chica ha detto:

    Secondo me potevi lasciar fare la “moltitudine” (leggilo con la voce de Panariello che fa il bambino scemo) di frogie e finocchie….ma so che nn sarebbe stato più il tuo stile…comunque, per la Madonna, a parte i giochi di merda dei politicanti di mestiere che fanno finta di guadagnarsi la pagnotta se alla massa di pretaioli, sentinelli, adinolfidemmerda, giovanardi cercato, entrasse in testa che le UNIONI CIVILI nn sono solo,i diritti dei gay, ma di tutte quelle coppie che se ne sbattono i cojoni di sposarsi ….però siccome stamo ner condominio del Vaticano, qualunque scusa è buona per nn inimicarsi IR papa…..sono stati i politici a tirar fuori il binomio UNIONI CIVILI=NOZZE GAY….o peggio ancora ( per loro ) adozioni e utero in affitto….strumentalizzare e il,mestiere preferito dei politicanti, signori….invece di preoccuparsi di diritti di cittadini che pagano le stesse tasse dei ” NORMALI” ….che poi si voglia amare un’altra donna o un uomo a me nn frega un cazzo…nulla di queste cose lede i miei diritti……piuttosto mi fa schifo che nn ci si preoccupi dei preti pedofili, o delle tasse che il Vaticano nn paga o della gente che perde il lavoro e si impicca.

  8. Albert1_Saluta_I_Redivivi ha detto:

    Sorèeeeee !! Bella ! Chi nun more se risente 😀 (vale pure per me, eh)…

    Mah, che te devo dì… a me pure sta storia dei “politici” mi sa un po’ di stantio.
    Se fanno le porcate che fanno (e le fanno) è perchè comunque sfruttano di volta in volta le persone che gli danno retta. E le persone siamo noi…

    Il vaticano c’entra e c’entra pure parecchio, però ad un certo punto pure quelli stanno dove stanno perchè ancora ci sono troppe persone disposte a stare a sentire le cazzate che dicono. Vedi che cazzo è successo per andare a vedere una merda di mummia del cazzo. Se stiamo ancora così, secondo me, è perchè ce lo meritiamo.

    Alla fine lo sai che c’è ? Io campo come ho deciso di campare, finchè funziono. Anzi, se poco poco mi accorgo in tempo utile che sto per terminare il breve viaggio su questa terra faccio tutti i buffi possibili ed immaginabili, me magno tutto e se ci riesco prima di schiattare prendo la mia lista e ne faccio fuori più che posso. Dopodichè si fottesse il mondo. Oh, naturalmente nessuno di FdP è sulla mia lista, tranquilli… 😉

  9. alsalto ha detto:

    Albe’

    A FROCIOOOO!! hahahhahaa

    no, e’ che con la tua prima risposta pensavo avessi mangiato la foglia…diciamo.
    Vabbe’, comunque sia tanto bene comunque.

    Il post e’ stato assai chiaro ben dal principio ma un paio di cose ho ritenuto si potessero sviscerare un pochino, ed in effetti, lasciami dire, cosi’ e’ stato con la tua felice integrazione.

    Non che voglia attribuirmi meriti, anche perche’ son talmente evidenti che risulterebbe lapalissiano sottolinearli (ho ho ho ho)

    Ancora una volta mi stupisco, e questo per via di una certa sincronicita’, e qui entra in ballo anche chica (ciao magnifico sguardo laser!) e il suo “moltitudine”. Roba da far accapponare la pelle.
    Mi ronzava in testa il medesimo concetto.

    Detto questo e fatti i dovuti ringraziamenti per la piacevole lettura direi che per ora puo’ bastare. 🙂

  10. alsalto ha detto:

    Sulla stepchild adoption il Pd voterà secondo coscienza. Per far riposare un po’ il cazzo

    Grillo ai suoi parlamentari: “Libertà di coscienza. È un ordine”

    (da spinoza.it)

    hahahahhahahha

  11. lezzy ha detto:

    fufù

    🙄 …se ai 7 miliardi di cagate umane al dì ( dando x scontato che le sedute siano una volta al giorno, se no la media sale) ci si aggiungono tutte le cacche prodotte da animali d’allevamento ( lascio a voi il censimento…) ecco che tutto diventa + chiaro; è un mondo affogato dalla merda (in tutti i sensi), ma che rispetta i limiti normativi consentiti per la tutela della salute e dell’ambiente…

  12. Reggibirra ha detto:

    Azzz siete vivi allora…

  13. lezzy ha detto:

    hola Reggi 😀
    …cosi pare, poi è da vedere. L’ultima volta che Marcolino si è fatto vivo stava correndo, ma me sa che è ancora in viaggio… 🙄

  14. reggibirra ha detto:

    Ciao lez ,chi lo ferma più il bischero.

  15. lezzy ha detto:

    Come ti tratta la “pinche-vida”? novità ? ( so che è una domanda del cazzo, ma almeno scambiamo 2 chiacchere) 😀
    Il tuo “rospetto” cresce ? il mio oggi ha sforato i 34 anni !! minchia come cambia la percezzione del tempo ad una certa età !! Si allunga guardando all’indietro, ma cazzo come si accorcia davanti….c’è n’è sempre menoooooooooooooo 😛

  16. reggibirra ha detto:

    Il grande 11 e la piccolina a fine gennaio ne ha compiuti 5…loro crescono e noi se invecchiamo

  17. lezzy ha detto:

    DOS changhitos ?? …avevo capito male, pensavo ne avessi uno solo .
    Si, la vita è un po come correre la staffetta; il “testimone” lo si deve passare prima o poi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...