Perché petaloso non può essere una parola

So che arrivo in ritardo sull’argomento, ma sul sito dell’Accademia della Crusca ho letto la lettera del 25 febbraio 20161, nella quale Maria Cristina Torchia non esclude la possibilità che la parola “petaloso” possa un dì entrare a far parte del vocabolario italiano, ponendo come unica condizione la sua diffusione, tesi confermata da Paolo D’Achille il 03 novembre 20172, che si limita a precisare che “questa neoformazione sarebbe stata accolta nei vocabolari solo se il suo uso sarebbe durato nel tempo”.

Tale parola nel frattempo è finita sul sito della Treccani come neologismo3 (e quindi, desumo, accettata da tale Istituto), malgrado la stessa sembri invece contraddire le (implicite?) regole della lingua italiana.

“Petaloso” indica “molti petali”, ma si riferisce a una caratteristica enumerabile del fiore. I “molti” in questione, salvo rare eccezioni, generalmente raggiungono le poche decine (le margherite ne hanno al massimo 34). Niente che ci impedisca di contarli.

Va qui ricordato che il suffisso “-oso” definisce la presenza di una qualità (fumoso, chiassoso, religioso, costoso, furioso, piovigginoso, ferroso, meraviglioso, ecc.), e che la possibilità di contare tale qualità sia impossibile, improbabile, o per lo meno “sconsigliabile”. In questo ultimo caso mi riferisco al “peloso” menzionato dalla Torchia, perché sì, teoricamente potremmo metterci a contare i peli di un animale, ma probabilmente ne troveremmo a milioni, e quindi implicitamente tale caso può essere ricondotto a “innumerevoli”. Concettualmente ciò mi rimanda all’uso della parola “mille” da parte dei nostri Padri latini, con cui si riferivano anche a una imprecisata “grande quantità”.

A sostegno della mia tesi posso ricordare che, ad esempio, non definiamo come “stanzoso” un appartamento con molte stanze, ma sì potremmo chiamarlo spazioso, esplicitazione che rimane qualitativa, anche se ci venisse voglia di prendere le misure di tale spazio.

Questo detto, “petaloso” a mio parere non può essere considerata parola corretta, e quindi andrebbe definitivamente cestinata.

1https://accademiadellacrusca.it/it/contenuti/la-parola-petaloso-ha-possibilita-di-entrare-nei-vocabolari/6376

2https://accademiadellacrusca.it/it/contenuti/titolo/83

3https://www.treccani.it/vocabolario/petaloso_(Neologismi)/

1 commento su “Perché petaloso non può essere una parola”

  1. Cazzo, cazzo, cazzo !
    Finalmente un post non mio (da tre anni a questa parte solo il buon Lezzy aveva rispolverato il suo account da Autore), e mica un post così ad minchiam, un signor post. Che peraltro non fa una piega e che mi trova in pieno accordo. Perchè va bene i neologismi, gli anglismi e tutti gli -ismi possibili, ma “petaloso” fa davvero cagare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...