MIGLIORA-MENTI?

Sempre più spesso si sente parlare di esoscheletro non più con riferimento alla biologia, come eravamo abituati, ma a livello tecnologico, in particolare dopo che una nota catena di supermercati lo ha introdotto come strumento di lavoro.

La descrizione ufficiale presenta l’esoscheletro come una nuova tecnologia di robotica indossabile, per ridurre l’affaticamento e migliorare l’ergonomia nelle operazioni manuali di movimentazione dei carichi.

Indubbiamente l’idea stessa di un supporto per chi maneggia pesi è auspicabile quanto utile, perché dunque io non riesco a immaginare come possa essere muoversi con questa attrezzatura che qualcuno definisce “tuta robot”?

Probabilmente serve un supporto anche a me.

Conosci qualcuno che ha fatto parte di questa sperimentazione?

Il prototipo si chiama Mate XT.

A proposito di mates, uno dei miei mitici compagni di corso over 50 lo ha ribattezzato “Pickerminator” …

Tu cosa ne pensi?

Keep Calm & Drink Coffee

Claudia

ANCORA SUI REFERENDUMI – MI SI PONEVA UN PROBLEMA. (MA ORA NON PIU’).

Questo è il post che avevo “in canna” giusto ieri, ripescato dalle bozze, lo pubblico oggi con modifica al titolo.

Si perchè in origine era “…mi si pone un problema…” ma adesso per fortuna non è più così.

Il problema era la storia della mascherina nei seggi, cosa che sulle prime avevo sottovalutato ma poi ripensandoci mi aveva fatto seriamente girare i coglioni.

Perchè dico, non solo la gente ai referendumi ce la devi portare per i capelli, non solo te li infilano in una giornata che secondo ogni probabilità sarà perfetta per starsene al mare, non solo non li pubblicizzano e comunque non ti ci fanno capire un cazzo… mettici pure che ti obbligano a rimetterti la museruola con 30 gradi all’ ombra, voglio dire: dite che non li volete fare e facciamo prima.

Allora mi stavo preparando a tutte le possibilità e alla fine quella che vedevo più realistica (conoscendomi) era che avrei passato mezza giornata a discutere pacatamente con presidente di seggio, scrutatori e forze dell’ ordine.

Poi per fortuna ieri sera è arrivata la retromarcia: per gli elettori, mascherina non più “obbligatoria” ma solo “fortemente raccomandata”.

Bene. Posso andare più sereno. Cinque “SI” e poi forse me ne vado al mare pure io (o prima al mare e poi cinque “SI”, poi vediamo).

Si raccomandassero fortemente ‘sto cazzo.

GATTI E LIBERTÁ

Troglodita Tribe S.p.A.f. (Società per Azioni felici)

di Troglodita Tribe

Non è un mistero che la liberazione sia un percorso lungo e difficile, che ci sia da combattere con muri e gabbie di ogni genere, ma se c’è un fatto evidente, inossidabile, senza il quale questo percorso non è neppure iniziato, è proprio la facoltà di riuscire ad immaginare questa liberazione, la facoltà di reputarla possibile, realistica, attuabile.
Chi considera la libertà una mera utopia, chi pensa all’anarchia come ad un fatto puramente teorico che non trova certo posto nella propria vita quotidiana, che non è neppure ipotizzabile in questo contesto storico, ha perso, ovviamente, ogni possibilità di liberarsi.

Franco, un anarchico che conoscemmo in un paesino nei pressi di Seborga (IM), una volta ci disse: “Io all’anarchia ci credo davvero. Sono davvero convinto che la possiamo realizzare, ma non in un futuro lontano, la possiamo realizzare nel giro di poco tempo. Se non ci credessi non…

View original post 1.375 altre parole