NESSUNA RISPOSTA

Scrivi email a scuoleguida per sapere del rinnovo…

Nessuna risposta.

Scrivi a ospedali a pagamento per sapere quanto costa un esame…

Email fuori uso.

Vabbè, neppure ve lo dico… Telefoni a farmacie,..

Non rispondono (e loro stessi avevano affisso il cartello con su scritto di chiamarli)…

Non si tratta più solo di etica del lavoro (ormai inesistente).

Non si tratta più di dementi che neppure sanno fare i propri interessi…

E’ CHE TUTTO STA ANDANDO INESORABILMENTE IN MALORA.

…E vaffanculo!

15 pensieri riguardo “NESSUNA RISPOSTA”

  1. Non è il primo post che leggo in materia. Per non parlare delle lamentele ascoltate da diretti interessati.
    Per ottenere un appuntamento per il rinnovo del permesso di accesso allo ZTL (la via informatica non funzionava e la mail inviata dieci giorni prima era stata ignorata) abbiamo agito in squadra: tre persone a ripetere costantemente il numero di telefono solitamente occupato.
    Siamo riusciti a prendere la linea, per scoprire che il numero corrispondeva ad un risponditore automatico, quelli che ti fanno giocare con i numeri della tastiera.
    Appuntamento preso.
    Peraltro questa attività fa entrare nelle tasche del comune dei bei soldini. Perchè ostacolarla?

  2. Il problema grave (che quindi mi conferma l’ amara conclusione del post) è che questo sistema, un tempo esclusivo appannaggio del settore pubblico, ha ormai attecchito profondamente anche nel privato.
    Non capisco come sia possibile, ma così è. Anzi lo capisco pure, ma non serve a un cazzo che io lo capisca. Il punto è che è così.
    Ultimamente ho dovuto (dopo dieci anni forse era il caso) fare una serie di analisi ed accertamenti. A parte l’ incidente dell’ accesso negato causa mancanza di mascherina che narrai a suo tempo, alla fine i tempi d’attesa del pubblico e del privato quasi si equivalevano. Tanto che alla fine ho risolto col pubblico: è bastato trovare il giusto piccolo ambulatorio ASL decentratissimo e miracolosamente poco frequentato. Speso un decimo, risolto in due settimane.
    Ma siccome il nostro settore pubblico non vuole essere secondo a nessuno, non importa se il privato fa cagare uguale: si sono organizzati in modo da far cagare ancora di più e rimanere, sempre e comunque, i peggiori.
    Siamo al punto di dover prendere un pre-appuntamento per prendere un appuntamento. Rinnovo carta di identità, eh ? Mica scienza aerospaziale. Che poi non ho capito che cazzo di problema c’è con la carta di identità. Io sono sempre io, finchè campo, perchè deve scadere ? Capisco la patente, capisco il passaporto, capisco il porto d’armi, capisco tutto. Ma la carta di identità proprio non ci arrivo.

  3. Parzialmente O.T.: se serve una mano per rinnovo patente fammi sapere: ho due agenzie (una anche vicina a te) che possono risolvere in fretta. “Ho” non nel senso che sono le mie (mi ci manca solo l’agenzia di pratiche auto 😉 ) ma nel senso che ci sono in stretto rapporto.

    1. Grazie. Ti devo tenere in maggiore considerazione dato che hai le mani in pasta in tante attività utili… Comunque già risolto, almeno quello.

      1. “Mani in pasta” suona male… 😉
        Diciamo che “giro, mi interesso, faccio cose, vedo gente”(cit.)…
        Non è vero, gente ne vedo sempre meno, l’asocialità prende il sopravvento.

  4. Mantus: questa della ZTL è un’ altra follia. Se i requisiti sono invariati (nel tuo caso immagino residenza e titolarità targhe auto), ma che CAZZO vanno cercando ? Ti mandassero i bollettini, ti lasciassero pagare in pace e vaffanculo. Che è un esame nel merito ? Devono controllare la tua moralità per lasciarti accedere ?

  5. La voglia di non fare un c….. è proporzionale all’età.
    Mai vero il contrario.
    Quindi assodato che l’età media aumenta progressivamente, coloro a cui non andrà di fare nulla, saliranno a numeri incredibili.
    Col risultato della paralisi in ogni settore.
    Pubblico, privato, non ci sarà alcuna differenza.
    Ecco perché le élite parlano di Robot e I.A. e depopolazione.
    Necessità, solo Necessità….

    1. L’ assunto iniziale è innegabilmente vero.
      Però io ho il sentore che la voglia di non fare un cazzo sia una malattia con un indice di trasmissibilità da far impallidire qualsiasi virus. Oltretutto è ereditaria. Quindi temo che nemmeno le fasce d’età più basse ne siano immuni: se dipenda dal condizionamento sociale o altro non lo so, però cominciano a salire in modo allarmante i casi di infezione anche negli under-30.

  6. Non ti dico le incazzature che mi sto prendendo in questi giorni esattamente per questi motivi.
    Domande senza risposta, richieste inevase, indifferenza professionale, deontologia andata in malora. Da denuncia e, almeno in un caso, ci sto davvero pensando.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...