COSA AVETE SMESSO DI FARE DI RECENTE ?

(Questo articolo, che poi rientra nella categoria dei “sondaggioni” è stato ispirato da un “repost” di Nadia sul suo Blog).

La domanda (alla quale come al solito siete liberissimi di rispondere, non rispondere, mandarmi a cagare o ogni altra cosa vi venga in mente fare) è la seguente:

Facendo riferimento all’ ultimo anno, anno e mezzo, ci sono delle cose che avete “smesso di fare” ? E se si, quali ? E se è lecito, perchè ?

Qualsiasi cosa, anche di poco conto, che prima facevate (anche saltuariamente) e adesso non più.

Come al solito comincio io:

  1. Ho smesso di leggere e commentare gli articoli del Blog “Il Simplicissimus“. Il motivo è strano (conoscendomi) ma è semplice, anzi “simplicissimus”: non riesco a capirli. O meglio, faccio fatica ad inquadrarli. Di esercizi mentali nella vita ne faccio anche troppi, questo ho deciso di risparmiarmelo.
  2. Ho smesso di leggere e commentare gli articoli del Blog “Il Blog di Barbara“. Pur condividendo gran parte dei pensieri e delle posizioni dell’ Autrice, ho realizzato di essere “fuori luogo”. Fuori luogo in senso generazionale e fuori luogo in un ambiente che non mi è proprio.
  3. Ho smesso di seguire su YouTube la rassegna stampa personale del giornalista Nicola Porro (come pure il suo “Quarta Repubblica” su Rete4). Avevo iniziato in era “panscemica” e devo ammettere che mi divertiva e mi interessava, ma esaurita la spinta delle questioni “coviddi” è tornato evidente il divario politico e personale che mi separa da lui. Il fatto che tanti anni fa abbiamo preparato un paio di esami insieme e poi non ci siamo più cagati ha un suo perchè. E’ come quando ricominci a sentire un vecchio compagno delle elementari su FaceBook e poi realizzi che se sono più di 40 anni che non vi vedete ci sarà un perchè.
  4. Ho (di nuovo) smesso di comperare i quotidiani. Semplicemente perchè li compro ma poi non li leggo. Per un po’ aveva vinto l’inerzia, ma quando ho visto che si impilavano sul tavolino del soggiorno e non li leggeva più manco il cane l’ ho chiusa lì. Ormai l’ edicola la frequento solo per la Settimana Enigmistica (che quella no, non la mollerò mai finchè campo). La pila di giornali intonsi è ottima per accendere il camino, finchè dura.
  5. Ho smesso di mangiare un cornetto al bar ogni mattina. Era decisamente di troppo, dato che comunque prima di uscire mi sparo una tazza di cereali o due/tre fette biscottate spalmate di marmellata insieme al primo caffè della giornata. Il cornetto era un inutile “di più”.

E voi ?

24 pensieri riguardo “COSA AVETE SMESSO DI FARE DI RECENTE ?”

  1. Ho smesso di guardare i telegiornali. Prima, almeno sommariamente guardavo qualcosa qua e là per essere un minimo informata, ora mi danno la nausea ( da parecchio a dire il vero) e sono del tutto inutili. Ho smesso di frequentare alcune persone che nel momento critico mi hanno isolato per le mie scelte, e quando ho provato a parlarne, mi hanno risposto con sufficienza “basta che non ti metti a parlare di microchip…”. Ho smesso del tutto di credere (se mai ci avevo creduto) che il Servizio Sanitario e il Governo in generale abbiano a cuore il benessere dei cittadini.

      1. A me ? 😀
        O a Raffa ?

        A me è un po’ difficile, prima dovresti trovare il mio alter-ego faccialibresco (che comunque non è più movimentato da anni)…

        Però adesso che ci penso, mi pare che un tempo avessimo fatto una pagina 2010fugadapolis da quelle parti, chissà che fine ha fatto. Tanto non avrebbe resistito comunque.

  2. Ho smesso di fare tante cose, è un secolo che non compro una borsa e non ho voglia di comprarne un’altra..per un po’ mi sono preoccupata. Volevo rivolgermi ad un gruppo di sostegno. E ho fatto i conti con il mio passato, ho chiuso amicizie che non aveva più senso considerare tali. Ogni tanto faccio colazione al bar, ma non tutti i giorni.
    Buona serata

  3. Smesso nulla, magari di meno. Il giorno è di 24 ore o fai una cosa o ne fai un’altra. Se sto nell’orto non vado al mare per capirci. Se vado con Nontirare non faccio un’altra cosa .

  4. Anch’io ho smesso di seguire il telegiornale in specislm9do quando sto cenando e poi ho smesso di stressarmi per tutte le cose che dovrei fare, arrivo dove arrivo, sin che riesco, ho imparato da un anno a questa parte a dare delle priorità e di queste priorità ne fanno parte anche i miei hobby altrimenti divento nervosa sbiello 😌 Buonanotte

  5. Io ho smesso di andare a vedere le partite di calcio del Padova, perché negli ultimi anni è una delusione continua.
    Ho smesso anch’io con i quotidiani.
    Ho smesso di dar retta a persone che mi stavano triturando gli zebedei.

      1. Ho lasciato che mi lasciassero. La nuova frontiera dell’abbandono è questa: fai in modo che siano loro a decidere, così tu non hai sensi di colpa e pure loro si convincono di aver fatto la cosa migliore (e da duri)! 😀

  6. Salvo rare eccezioni, noto un qualcosa in comune… ed è una delle conferme che in un certo senso cercavo:

    un taglio – più o meno marcato – delle frequentazioni.

    Ora ci sarebbe da approfondire se (come sembra) questo taglio sia stato un bene oppure no.

    A naso, mi pare di si. Io non ho elementi personali per giudicare, perchè (se poniamo la storia “coviddi” come spartiacque temporale), orso ero prima e orso sono adesso. Quindi non mi è cambiato nulla in quel senso… Se fosse stato un bene, posso inserirlo in una lista che sto compilando, relativa agli effetti positivi della “panscemia”. Perchè al netto di tutto DEVO trovare delle conseguenze positive, me lo chiede la mia sanità mentale, perchè prima o poi devo sempre farmi una ragione di ogni cosa, e questa non fa eccezione.

  7. Ho smesso di andare a trovare mia madre nella RSA,
    Non c’è più. Mia madre non la RSA, che prospera come non mai.
    Devo ancora decidere se sono più sollevato o più rattristato.
    A costo di appparire cinico e intoccabile, confesso che quando, un mese fa, ho dovuto fare addormentare la gatta ho provato un dolore più forte. Probabilmente perchè si trattava di un esserino innocente che non capiva quello le stava accadendo.
    Mio figlio grande mi ha accompagnato dal veterinario ed ogni tanto lo sorprendo ancora a piangere,

    1. Cazzo.
      Non so se ti è mai capitato di prendere in rapida sequenza un gancio destro, un sinistro e a chiudere un diretto. Beh, è l’effetto che mi ha fatto questo commento.

      Non appari cinico e anche se lo apparissi sarebbero comunque cazzi tuoi. A prescindere, un abbraccio te lo becchi.

      1. Sono abituato ad incassare. Quasi quasi mi piace. Non mi interessano le mie sofferenze. Non voglio che le persone a me vicine non soffrano.
        Quando mi hanno comunicato la morte di mia madre, per telefono, ero nells sala d’attesa del dentista di mia figlia.
        Lei mi ha abbracciato. Poi mi ha chiesto chi fosse mia madre. L’aveva vista 3 o 4 volte, Non ci sono più le famiglie di una volta-

    2. Libero come sempre di rispondere “fatte li cazzi tua”, ma hai per caso un congiunto architetto di nome Riccardo ? Pura curiosità, non è “stalking”, tranquillo 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...