Tutti gli articoli di onnipotente

Sono l'ONNIPOTENTE

Il migliore dei mondi esistiti fino ad oggi?

L’ottuagenario sociologo Domenico De Masi, che di cose in vita sua ne ha viste, non smette di ribadire che “questo in cui viviamo non è il migliore dei mondi possibili ma è certamente il migliore dei mondi esistiti fino ad oggi”.

Onestamente la mia impressione è opposta rispetto alla sua, perché reputo gli ultimi anni particolarmente bui e nefasti, ma mi sento di rispettare chi ha vissuto per vari decenni, e fatto le esperienze più varie.

Voi che ne pensate? Se il mondo attuale non vi soddisfa, sentitevi liberi di elencare nei commenti sino a 10 delle vostre aspettative / desideri / sogni / auguri affinché questo Paese – secondo la vostra prospettiva – possa essere un posto migliore (ma se vi limitate a 5 è pure meglio), cercando di essere specifici (evitando cose tipo “vorrei che non ci fosse più cattiveria e fame nel mondo”, ad esempio).

Auguri e buoni propositi per il Nuovo Anno

In questi ultimi due anni, gli addomesticati e i loro ammaestratori hanno fatto passare l’inferno a coloro che hanno avuto come unica colpa di voler usare il cervello (il proprio) e d’aver rispetto per sé stessi. Questo non dovrà MAI essere né sottovalutato, né dimenticato.

Sebbene i possessori di proprio raziocinio possano benevolmente augurare agli addomesticati di rinsavire e di prendere coscienza del raggiro cui costoro si sono prontamente prestati, gli Esseri Umani Raziocinanti oggi devono agire in funzione delle angherie e del danno che gli addomesticati hanno loro procurato.

È perciò non solo un diritto, ma un autentico dovere – pena una mancanza di rispetto per sé stessi – una gandhiana reazione, non cruenta ma sì coscienziosa e costante, nel senso di assumere un atteggiamento che tenda al radicale rifiuto di qualsiasi cosa che possa avvantaggiare gli addomesticati e i loro ammaestratori. Altrimenti gli Esseri Umani Raziocinanti ne diverrebbero implicitamente complici, e quindi perché continuare a chiamarli Esseri Umani Raziocinanti?

In tema di buoni propositi per il Nuovo Anno, quindi, qui di seguito la proposta dell’Onnipotente rivolta a coloro che hanno a cuore la propria dignità:

1) boicottare i supermercati (CONAD e COOP, i primi che mi vengono mente), i negozi e i locali che nel periodo nazista si sono prontamente allineati alle direttive nazionalsocialiste (nei menzionati casi anche facendo relativa propaganda in TV), hanno esposto cartelli discriminatori per impedire l’accesso agli Esseri Umani Raziocinanti, o peggio hanno chiesto di mostrare la tessera nazista per entrarvi. Qualcuno potrebbe dire che la maggior parte dei proprietari è stata costretta dalle norme del Governo nazista. Fino a un certo punto, perché la resistenza si fa combattendo, non scodinzolando. E di sicuro non c’erano in giro milioni di poliziotti a verificare chi entrava o usciva dai locali. Questi pavidi, invece, si sono piegati. Altri potrebbero avanzare l’ipotesi sull’opportunità di creare delle Liste Nere, dove elencare i locali filonazisti, e farle circolare. Ciò è sbagliato per due motivi: innanzitutto sono i nazionalsocialisti (che in neolingua oggi si fanno chiamare “patrioti progressisti”) a fare liste di proscrizione e liste nere. Non le persone che hanno rispetto dei diritti umani come gli Esseri Umani Raziocinanti. Inoltre tale strategia rischierebbe d’essere controproducente, perché – cadessero tali liste nelle mani dei nazisti – queste potrebbero aver un effetto delatorio. Lette con ottica opposta, potrebbero far venire alla luce i locali che hanno rispettato i Diritti Fondamentali dell’Uomo e la Costituzione. I loro proprietari sono considerati dei sovversivi dai dittatori e dai loro servi pluridosati, e rischierebbero di subire pesanti ritorsioni.

2) boicottare film, spettacoli, canali TV, libri, ecc. che hanno visto coinvolti delatori, servi del regime e conniventi vari. Insomma, andare a vedere una qualsiasi cosa con Gassmann, giusto per fare l’esempio più squallido e vergognoso, equivarrebbe a darsi delle martellate nelle parti più delicate.

3) Rifiutarsi di fare il donatore di sangue, midollo, organi. Coloro che nel fare la Carta d’Identità avessero espresso tale desiderio, apportino la dovuta e giusta correzione [qua la spiegazione sulle modalità e relativi moduli]. Ricordiamo sempre le persone che più o meno direttamente sono state uccise dai nazisti (compresi quelli da loro suicidati), e l’appoggio incondizionato che tali vermi hanno ricevuto dalla parte asservita della popolazione. Figurarsi se debbano essere proprio gli Esseri Umani Raziocinanti, sani nel corpo e nella mente, a sobbarcarsi la responsabilità di dover ridare la salute a quella mandria di pavidi ipocondriaci che si sono devastati il corpo iniettandosi volontariamente la proteina spike. Con tutta la umana pietà che ci può avere verso costoro, che si accollino, finalmente, loro stessi la responsabilità delle proprie azioni!

4) Scegliere aziende e professionisti che non si siano prostituiti o non siano stati conniventi col regime. Questo include i medici di base e gli specialisti. I medici che hanno accettato di dosarsi hanno dimostrato di non valere nulla, di essere professionalmente inaffidabili. Per non parlare dei sieratori, tanti emuli di Mengele, veri e propri criminali. Va inoltre considerato che la medicina (quella ufficiale) ha dimostrato (confermato?) di non essere altro che una espressione degli interessi delle industrie farmaceutiche. Avendo gli Esseri Umani Raziocinanti definitivamente accertato questo, dovranno per forza di cose tentare delle strade alternative. Si rende perciò necessario esplorare medicine alternative, già usate da milioni di persone in Italia, come l’omeopatia, la fitoterapia, l’agopuntura, l’iridologia, la nutraceutica, la radioestesia e chissà quanto altro. Facendo attenzione che lo specialista in questione non sia dosato, ovviamente! È scelta obbligata, perché da un lato non ci si può più fidare dei medici allopatici (che devono fare di più per dimostrare di non essere altro che spacciatori di farmaci e sieri? Sicari delle multinazionali del farmaco!), dall’altro bisogna fare di tutto per non essere clienti da spolpare per le industrie farmaceutiche.

5) Non partecipare più a nessuna attività di volontariato che apporti benefici alla comunità. Se avete bisogno di appagare un innato senso di altruismo, concentratevi nel fare del bene alla Natura e nello specifico agli animali. Oppure dedicatevi alle varie iniziative territoriali create dagli Esseri Umani Raziocinanti (alcune si trovano su questo sito), per fortificare in ambito locale la sana comunità di devoti alla libertà di pensiero e di rispetto del proprio corpo.

6) Varie ed eventuali. Esempio 1: gruppi locali di una ventina di Esseri Umani Raziocinanti si mettano d’accordo per entrare in un ristorante che in passato ha dimostrato di esser strumento dei nazisti, chiedano di sedersi, facciano le dovute ordinazioni al tavolo, e nel momento che i piatti vengono serviti, si alzino e se ne vadano. Oppure, esempio 2, un museruolato vi si rivolge, e voi fate finta di non capire che dice, invitandolo a rimuovere il panno dalla bocca se vuole parlare con voi. E così via.

Perché il perdono lo hanno inventato i criminali. E i criminali, tutti, vanno contrastati e ostacolati. A cominciare dai sierati mascherati. Gli Esseri Umani Raziocinanti non perdonano, e mai dimenticheranno.

Per non dimenticare, invito a cliccare sul seguente link per vedere un video lapidario:

https://invidious.flokinet.to/watch?v=_coQewvD-qU

Alla tanto decantata resilienza, che mira solo a piegare la volontà, la dignità e persino la vita delle persone fino al punto che queste si spezzino (magari a causa della famigerata #nessunacorrelazione), bisogna contrapporre la Resistenza, che sia attiva e non passiva, attraverso un (passatemi l’ossimoro) pacifico contrattacco.

Il nazismo va smantellato dalle fondamenta. Cominciando dal mutare il proprio atteggiamento verso i nazisti. La Resistenza è ancora lunga. E va combattuta, con impegno, dedizione e convinzione. Non basta sedersi lungo il fiume per veder passare i cadaveri dei dosati. Si eviti di essere conniventi, e – nel possibile – si colpiscano (come spiegato) quei bastardi nell’unico valore in cui credono: il denaro.

Che sia un 2023 di attiva, consapevole e responsabile rivalsa e rivincita!

Nota per gli addomesticati:

Addomesticato = tossicodipendente = pluridosato che è corso a bucarsi e ha usato (nei casi più estremi e patologici ancora usa) la museruola per propria volontà. È servo e complice dei nazisti, e spesso nazista esso stesso.

Essere Umano Raziocinante = colui che si è fatto delle domande, e di conseguenza si è rifiutato di cedere alla propaganda del terrore dei nazisti.

Cosa resterà dei Mondiali in Qatar…

“Cosa resterà degli anni ‘80” cantava Raf oltre 30 anni fa. Era un periodo in cui nelle fogne di Milano scorreva più cocaina che urina, ma fu anche il picco economico e sociale dell’Italia, prima della inesorabile discesa, che ci ha ridotto a un Paese sottosviluppato.

E invece cosa resterà dei Mondiali in Qatar?

Beh, di sicuro non gli stadi, visto che sono stati costruiti solo per questo evento, per di più i primi (che io sappia) dotati di aria condizionata, per poi venir di nuovo abbattuti, con sommo disprezzo di ogni forma di decenza.

Ci ricorderemo perciò di quanto vergognosa sia stata tutta la vicenda Qatar, dall’assegnazione per corruzione, passando per le centinaia (forse migliaia) di morti immolati alla costruzione di impianti e infrastrutture. Insomma, è stato lo specchio perfetto dell’immane degrado umano neoschiavista che stiamo vivendo negli ultimi anni.

Mi sono chiesto poi per chi avranno tifato i radical-chic italiani. Certo, il calcio è per loro uno sport barbaro (loro giocano a golf, si dilettano con barche a vela di decine di metri, mica come il sottoproletariato!), ma come si saranno comportati davanti al derby africano del Marocco contro la compagine delle ex colonie sub-sahariane della Francia? Da una parte “i migranti”, come li chiamano loro, dall’altra “i francesi”, popolo tanto amato dai sinistri radical-chic, come testimoniano le svariate legioni d’onore da costoro accumulate per aver ossequiosamente fatto gli interessi francesi. E poi vedere tanti figli degli schiavi importati servire i loro padroni francesi! Che gioia deve essere stata per costoro! La selezione composta principalmente di giocatori africani (più tre dal cognome spagnolo, e uno tedesco) ma che si presenta sotto l’ombrello francese, offre una grande conferma che il Piano ONU della “Replacement Migration”, con la sostituzione degli europei con africani, stia andando esattamente come previsto. I radical-chic italiani della pseudo sinistra devono essere stati euforici!

Va inoltre sottolineato che la selezione africana francofona, campione del mondo nel 2018, è giunta per la seconda volta di seguito alla finale, ma stavolta si è dovuta arrendere a una pur non eccellente Argentina. Compagine quest’ultima guidata da un Messi che per la prima volta in circa 10 anni non era neanche rientrato tra i primi 20 giocatori al mondo scelti da France Football per il “Pallone d’Oro”. La vendetta è piatto che va servito freddo, si potrebbe pensare. L’Argentina vince il mondiale anche nel nome di Maradona, venuto prematuramente a mancare una manciata di anni fa. Lui sì fu immenso giocatore, e Messi neanche gli scarpini avrebbe potuto allacciargli. Eppure fioccano gli inopportuni paralleli.

Ricorderò anche le traduzioni totalmente inventate fatte dall’inviato RAI delle risposte del brasiliano Richarlison, che ci ha fatto quasi rimpiangere Stella Bruno, che andava ai box di Formula Uno azzardando interviste in italiano a tutti i piloti. Una volta uno spagnolo le rispose in castigliano, e lei rimase esterrefatta. Ovviamente non capì nulla, come successo all’inviato in Qatar, ma almeno lei ebbe la decenza di non inventarsi di sana pianta la risposta!

Personalmente non dimenticherò questo mondiale anche per aver visto un subumano in un bar fare il verso della scimmia contro un giocatore africano che veniva inquadrato durante la finale, reo evidentemente di essere negro, e ciò mi conferma l’immenso degrado che l’Italia ha raggiunto. Poco sollievo dava il costatare che tale volgare energumeno faceva schifo già solo a guardarlo. Ma poi, perché stupirsi? Non stiamo parlando dello stesso Paese dove solo lo scorso anno sono state introdotte, col plauso dell’80% della popolazione, normative discriminatorie e segreganti che solo al razzismo nazista potevano fare riferimento? L’Italiano medio evidentemente ha nella discriminazione e nel razzismo caratteristiche culturali innate.

Mi ricorderò tutto questo, malgrado in fondo abbia visto solo pochi scampoli di questa vergognosa ostentazione di ricchezza e di potere che è stato il mondiale in Qatar.

E a voi cosa resterà di Qatar 2022?

È il momento della riconciliazione

Dopo due anni e mezzo di Frodemia e di Stato Nazista, è arrivato il momento della riconciliazione.

A tale fine, a nome dei non tossicodipendenti, chiedo:

– un ergastolo cada morto di #nessunacorrelazione per Speranza, Draghi e Mattarella;

– radiazione di tutti i medici e infermieri dosati;

– radiazione di tutti i “giornalisti” che hanno fatto propaganda e disseminato terrore;

– chiusura di tutte le testate giornalistiche, video, cartacee e online, che hanno fatto altrettanto;

– chiusura della Angelini, che produce Tachipirina;

– divieto di usare le mascherine;

– divieto di produzione e vendita di mascherine;

– cause alle aziende produttrici di sieri magici, per risarcimenti danni e strage;

– indennizzo di €100.000 (centomila Euro) a ogni non dosato;

– indennizzo di €500.000 per ogni negozio che si è rifiutato di discriminare le persone;

– pena di 20 anni per chiunque ha applicato le leggi naziste;

– varie ed eventuali (se avete idee, aggiungetele, per favore)

Fate questo, e poi potremo parlare di riconciliazione, gran figli di troia!

Attenti alle bollette pazze!

Mi preme portare alla vostra attenzione che il governo dei migliori presieduto dal bancario sta facendo recapitare bollette folli, dai costi anche decuplicati rispetto ai consumi reali.

Mi riferisco ai casi in cui si proceda per “consumo stimato”, perché non esiste telelettura o nessuno si prende la briga di accertare i reali consumi.

Verificate le bollette vostre e delle persone anziane del vostro parentato, controllando quanto effettivamente si è consumato. Fermiamo questi criminali!