Posts contrassegnato dai tag ‘cazzate’

Altro che Mia Martini, altro che Marco Masini.

Vestito da beccamorto, gli piace suonare ai funerali, insomma non è più l’Elton di una volta… invecchiando ha perso un po’ di smalto, ha riposto la genialità, ha preso un po’ di cazzi di troppo ed ecco il tramonto di una stella. E se tutto va bene (ho molta fiducia nei suoi superpoteri), questa sera suonerà – con leggero anticipo – al funerale di questo governo malaticcio e acciaccato che ci portiamo dietro da troppo tempo.

Perchè dico questo ? Beh, ragazzi, potrei sbagliare, ma ho la netta sensazione che tutta questa faccenda della Cirinnà, delle Unioni Civili, della Stepchild Adoption, di quelli che imporopriamente vengono chiamati “matrimonii gay” e via elencando e froceggiando, altro non sia che l’occasione (da molti architettata e concertata) per far cadere il Governo in maniera pesante. E sarebbe pure ora. Che me sarei pure rotto er cazzo e gradirei usare la mia tessera elettorale che mi sta facendo la muffa.

Si, lo so, detta così suona un po’ strana, ma lasciatemi il tempo (altro…)

Annunci

Vorrei.

Vorrei andare in Grecia portandomi un pacco di biglietti da 500 Euro nascosto nelle mutande, per sperimentare finalmente cosa vuol dire essere ricco…

vorrei andare in Siria portandomi un pacco di biglietti da 500 Euro (o equivalente in Dollari USA) nascosto nelle mutande, per arruolare sedicenti militanti ISIS e scatenarli in una chirurgica Guerra Santa contro chi dico io, almeno servirebbero a qualcosa, ‘sti beduini der cazzo.

Vorrei andare a Dubai portandomi un pacco di biglietti da 500 Euro (o equivalente in Dollari USA) nascosto nelle mutande, per assicurarmi un futuro dignitoso, nel caso la Guerra Santa di cui sopra non sortisse l’effetto desiderato (per esempio se quei cazzo di beduini incapaci, invece di far saltare i CED di Agenzia Entrate ed Equitalia decidessero di colpire solo gli infedeli).

Vorrei andare in una cittadina dell’ Arkansas portandomi un pacco di biglietti da 500 Euro (in questo caso decisamente meglio l’ equivalente in Dollari USA) nascosto nelle mutande, per lasciarmi tutto indietro ed iniziare una nuova vita come coltivatore diretto di patate in un posto dove lo stato non ti porta via metà del raccolto.

Si, vorrei, ma…

1) Ho un’ avversione naturale verso traghetti ed aeroplani;

2) Non è che nelle mutande abbia tutto questo spazio libero, e poi

3) Mi sudano le palle. Il che non depone a favore del trasporto di valuta.

Quindi credo che me ne resterò qua a scrivere un po’ di cazzate.

(Anche perchè ultimamente, di biglietti da 500 non è che se ne vedano poi tanti)…

Bèr mì tarzanello….

Pubblicato: 24/02/2014 da marchettino73 in Generale
Tag:, ,

“Fufù Albè, bello risentirti. Riguardo al commento sparuto, mai avuto dubbi su gli admins di fuga… Ascolta, ho avvertito Marco del fatto che degli stronzetti sono tornati sul mio blog; come puoi constatare. Non vorrei che tornassero qui su Fuga … Io ho bannato gli ip , Voi fate come credete  .

Mario

E noi,incuranti del pericolo,facciamo come ci sembra giusto.
La risposta a questo fenomeno e tutta la su stirpe può essere solo questa:

20140224-154008.jpg

Ti basta caàta o vòi anche ‘r francobollo? :mrgreen:

Non è una cosa nuova, no.

Era un po’ che girava, ‘sta storia, ma ultimamente è tornata alla ribalta grazie alla presa di posizione nientepopodimeno che del Comune di Milano (Milano, eh ? Mica Roccacannuccia): quindi sembra che da ieri “per non turbare le coscienze e non urtare la sensibilità delle coppie omosessuali” dotate chissà come di “figli”, dai moduli anagrafici siano stati eliminati i termini “madre” e “padre“, sostituiti da un generico “genitore“.

Che poi sia genitore 1 o genitore 2 non è dato sapere.

In linea di massima la cosa non sarebbe nemmeno scorretta:  in una situazione normale (nel senso di coppia etero), specificare “madre” o “padre” è superfluo: a meno di gente (altro…)

300 – Non il film

Pubblicato: 10/10/2013 da 2010fugadapolis in Cose che mi fanno incazzare, Generale
Tag:, ,

Buongiorno e porco dio a tutti, vicini e lontani.

Brevemente, schiattano 300 persone e (non necessariamente in questo ordine):

– vedo gente che protesta

– vedo gente che si inginocchia

– vedo auto blu che vanno e vengono

– sento parlare di qualsiasi cosa

– vedo abolire il reato di clandestinità

e poi retorica a palate, rimpalli di responsabilità vere o presunte, preti, ministri, gente che parlaparlaparla e non dice un cazzo, e alla fine ognuno si prende la sua parte di vantaggio e se ne va senza ringraziare e senza nemmeno chiudere la porta.

Sarò un ragazzo semplice, troppo semplice, ma secondo me se una barca carica di gente va a fuoco le cose da fare sono: salva il salvabile, cura il curabile, soccorri il soccorribile e seppellisci quel che resta. Il tutto più in fretta possibile, in silenzio e senza rompere i coglioni al prossimo. E chi crede, preghi per le loro anime. Sempre in silenzio e sempre senza cacare il cazzo.

Sono troppo semplice ?