Archivi tag: donne

Maschietti avvisati mezzi salvati,l’evirazione è tornata di moda

  Lo so che in questo momento un pò particolare per il nostro paese è assurdo fare un post come questo, ma ormai abbiamo detto tutto quello che c’era da dire,e allora, appena letto questa notizia ho pensato subito ai maschietti di  Fdp  Continua a leggere Maschietti avvisati mezzi salvati,l’evirazione è tornata di moda

Alla faccia della dignità delle donne e dei gay.

Il fatto risale al 2006, e grosso modo è andata così: Palermo, scuola media statale “Silvio Boccone”. Alcuni ragazzini prendono di mira un compagno di scuola, e a ricreazione gli impediscono di entrare in bagno dicendogli che non ce lo vogliono, perchè è una femminuccia, è un frocio, e quindi nel bagno dei maschi non ci deve entrare.

Fino qui, nulla di terribile: la “vittima” scoppia in lacrime e ciò richiama l’attenzione dell’insegnante (tale Giuseppa Valido, oggi in pensione). L’insegnante richiama all’ordine i ragazzi e mentre uno o due mettono la coda fra le gambe e chiedono scusa al compagno offeso (pur controvoglia), uno, il “duro della situazione”, si mostra sprezzante ed altero e si rifiuta di fare altrettanto.

La signora Giuseppa, allora, gli fa scrivere 100 volte sul diario “sono un deficiente” e chiede che all’indomani il ragazzo riporti la pagina firmata dal padre.

Un padre che si rispetti, una volta saputo il perchè, avrebbe prima preso a calci in culo il figlio, poi Continua a leggere Alla faccia della dignità delle donne e dei gay.

A sinistra la topa ci garba parecchio.Ed è gratis,cari strónzoli.

5. Ipocrisia sessuale. [Vietato ai minori e alle persone di stomaco debole, io vi ho avvertito, non ditemi poi che sono un volgare] Nell’ultimo paragrafo avevo inizialmente descritto il secondo obiettivo per esteso come “affittare quante più puttanelle si trovino per allietare le serate in cui scarica le sue frustrazioni di grasso e sfatto nanerottolo a cui non tira più e a cui nessuna la dà se non caccia tanti tanti euro.” Poi il censore (si, ce l’abbiamo anche noi, ma a modo nostro) ha spostato qui la versione uncensored. Toni volutamente forti per descrivere ciò a cui BS (in compagnia di Fede, apparentemente) si dedica. Perché su questo l’ipocrisia è massima, e va ribaltata. Un argomento quasi ossessivo del campo mediatico pro-BS è che questa indignazione morale è frutto di una cultura bacchettona, vittima di fobie sessuali, repressione, perbenismo e via andando. Cretinate immonde a cui non capisco perché la “sinistra” italiana non abbia il coraggio di rispondere a tono: quello sessuale è l’unico terreno in cui sono certi di poter battere la “destra” a mani basse! In realtà so perché: se sei incompetente lo sei sempre e comunque, non solo in economia. Allora ci provo io, con un piccolo elenco di fatti ovvi.

– BS e Fede affittano puttane perché sono vecchi, grassi, laidi, squallidi e probabilmente impotenti. Per tutta la vita sono anche stati brutti e nanerottoli e le donne se le sono sempre dovute comprare Continua a leggere A sinistra la topa ci garba parecchio.Ed è gratis,cari strónzoli.

Non mortificatevi.

Gironzolando su internet ho trovato questo post,e mi è piaciuto molto:

Sono giorni di grande concitazione per le donne di tutta Italia. Indignate, esterrefatte, incazzate, grondanti bava dai canini appuntiti. Tutte che ci tengono a dire: “Io non sono Ruby Rubacuori. Io non mi vendo come la Minetti. Io non me lo faccio mettere nel di dietro a pagamento solo per avere un posto di rispetto in Parlamento”. Si adirano e scalpitano le donne. E il 13 vanno a manifestare. Per rivendicare la loro onestà, la loro dignità, la loro forza, la loro intraprendenza. I diritti che si sono conquistate duramente in un paio di secoli. Manifestare, manifestare! Tutte in piazza. Ma a fare che?

Voglio dire. Hanno ragione. ABBIAMO ragione a volerci differenziare dalle donne che frequentano Arcore e l’”Orgiatella”. Ma c’è davvero bisogno di manifestarlo in piazza con slogan e striscioni? Insomma uno lo sa già da sé com’è. Una donna sa e sa dimostrare senza fare alcun casino se è una troia oppure no, e se lavora per meritocrazia o per un cazz… ehm… un calcio in culo. E’ un po’ come se l’insieme dei (purtroppo pochi) mariti fedeli scendesse Continua a leggere Non mortificatevi.