Archivi tag: ricerca

Sedere nel CdA senza mettere 1€

L’università italiana è inefficiente, male finanziata e male organizzata. Il governo sta tentando una riforma che, pur con qualche spunto positivo, non sembra risolverà l’orribile situazione attuale.
La gestione degli atenei sarà affidata al Senato Accademico per quanto concerne ricerca e didattica, e a un Consiglio di Amministrazione per quanto riguarda la gestione finanziaria.
Il CdA è aperto anche a membri esterni, e questo sarebbe normale, se dovessero amministrare i loro soldi, purtroppo non è così. Cito testualmente Giovanni Dosi, professore della SSA Sant’Anna:

“Il Presidente del C.d.a. ha di fatto diritto di veto sulle decisioni dell’università, non si capi­sce in base a quale principio. Inoltre il Presidente può nominare come altri membri del C.d.a. i suoi “amichetti”: poli­tici locali e rappresentanti del mondo industriale senza particolari competenze sul funzionamento dell’università e senza che essi siano tenuti a portare alcun contributo economico all’istituzione. L’idea è stata copiata male dalle uni­versità private anglosassoni: lì ci sono membri esterni nei C.d.a., ma questi apportano delle risorse economiche significative”