Posts contrassegnato dai tag ‘strategia’

Miei fedeli, pure quelli che credono di esserlo prendendosi a frustate e battendosi il petto, è tanto tempo che devo dirvi una cosa: Al Qaeda non esiste.

Nel frastagliato mondo islamico esistono tanti gruppi di estremisti ed organizzazioni paramilitari di fanatici, e tutti si rifanno al Corano, ma l’unico capo in comune che hanno è Allah, cioè sono io! Non il defunto (?) Bin Laden né Al Zawahiri.

Al Qaeda, intesa come internazionale organizzazione terroristica con struttura piramidale, è una invenzione degli americani, da sempre a caccia di un nemico per “esternalizzare” i problemi interni del loro Paese… tra i quali, oltre a quelli economici, quello che in realtà non sono un popolo in sé, ma tante conflittuali etnie che trovano unità solo nello schierarsi contro altri.

Possiamo parlare di Al Qaeda, se vogliamo, ma dobbiamo immaginarlo come sinonimo di “ideologia” di estremismo islamico combattente, e non come fosse un esercito agli ordini di un Grande Capo del fondamentalismo. Si tratta più che altro di un “comun sentire” (meno di una “comunione di intenti”) che “avvicina” tra loro una serie di gruppi di pazzi che pure comunicano tra loro, ma che sono e rimangono slegati ed indipendenti, senza regia e senza una vera strategia altra che non il corano e la difesa del proprio territorio.

Gli USA, inventando Al Qaeda, hanno anche voluto “occidentalizzare” un nemico, per assimilarlo quasi ad uno Stato, anche al fine di rendere sia più facile da legittimare le proprie incursioni agli occhi del bifolco popolo a stelle e strisce (il cui cervello è una poltiglia di patatine fritte ed hamburger), sia perché i veri obiettivi degli USA da sempre sono economici, e questo impone una “concettualizzazione” non solo territoriale ma soprattutto ideologica: con fare quasi messianico si asserisce di combattere “il male” (l’URSS prima, Al Qaeda ora) per nascondere quali sono i veri obiettivi (dominio geopolitico, costruzione di infrastrutture per la produzione od il trasporto di energia, sfruttamento di risorse energetiche e materiali, ecc.)…

Dire la verità, ossia che stanno cercando di eliminare dei retrogradi pastori afgani, non avrebbe lo stesso effetto mediatico, né sarebbero altrettanto giustificabili le proprie distruttive azioni, e soprattutto “occultabili” i veri motivi (l’Afghanistan è ricchissimo di materie prime). È ben altra storia, invece, quando si vestono da Crociati per liberare il mondo dal “male”, non vi pare?

Ma presto anche l’impero USA si sgretolerà. Ed il mondo parlerà arabo e cinese.

Sia fatta la mia volontà!

Annunci